Contenuto riservato agli abbonati

Omaggi in blues per Maradona e il mito magico di Joni Mitchell

Lunedì 19 luglio per TriesteLovesJazz il duo chitarristico di Eduardo Contizanetti e Maurizio Brunod e il recital di Francesca Bergamasco

TRIESTE. Un duo chitarristico impegnato in un repertorio melodico che omaggia anche "el Pibe de oro" (e dove però ci sarà spazio pure per l’improvvisazione) e una biografia musicale dedicata a Joni Mitchell. Doppio appuntamento lunedì 19 luglio a San Giusto dalle 21 per TriesteLovesJazz. La serata vede protagonisti il duo Eduardo Contizanetti/Maurizio Brunod e Francesca Bergamasco, Francesco De Luisa e Ivan Penov che raccontano la storia di un'artista capace di travalicare generi e generazioni. Per Contizanetti il concerto rappresenta un ritorno dal vivo dopo dieci anni nella città dove vive e che lo ha accolto. «È un’emozione – anticipa – ripartire dopo il lockdown: ci tengo davvero a riabbracciare gli amici: questa città mi ha ispirato varie musiche e alcune di quelle che eseguiremo oggi sono state composte proprio qui. Sono felice di restituire qualcosa alla mia città adottiva assieme a Brunod (che ha collaborato anche con Miroslav Vitous, Ralph Towner e Javier Girotto)». «Ci unisce - prosegue il musicista argentino - il background jazz, tango, rock, latin e soprattutto la musica di matrice melodica». Ma ci sarà anche tanta improvvisazione: «Proporremo brani originali e pagine di Enrico Rava e Gato Barbieri. E un omaggio a Maradona, "La milonga del diez" che ho scritto tempo fa e ora, dopo la scomparsa di Diego, è fisso in scaletta».

Seguirà "Joni", concerto dedicato a Joni Mitchell. «È - spiega Bergamasco - un testo scritto da Diego Chersicola che lui definisce una pesudobiografia: ha dato voce a pensieri e racconti della sua vita e al rapporto come interprete jazz con Jaco Pastorius e Charles Mingus. Quest'anno ricorre il 50esimo anniversario del disco "Blue" e ne abbiamo tratto diversi brani». «In scena - continua la cantante - ripercorro la sua vita in un monologo recitato con interventi di piano di de Luisa e sound design a cura di Penov. Quella che si crea è un'atmosfera magica: un modo - conclude - per celebrare con tanto amore e grande rispetto una cantautrice che ha influenzato tantissime musiciste».

Video del giorno

Trieste, attracca sulle Rive il cacciatorpediniere Luigi Durand de la Penne

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi