“(D)Caregiver Academy”, lezioni online a CasaViola

Dal 6 aprile fino al 21 giugno gli incontri di docenti esperti sui temi dell’Alzheimer

TRIESTE. Il “caregiver” riparte aggiungendo in testa, tra parentesi, una “D”. Nata come una vera e propria “casa” dei caregiver, la struttura CasaViola di Trieste, primo esempio del genere in Italia, è nata 5 anni fa dall’esperienza dell’Associazione De Banfield - onlus impegnata da oltre trent’anni nella cura degli anziani fragili e con demenza - per occuparsi specificamente dei bisogni di quei cittadini “invisibili” chiamati caregiver, ben sapendo che quando un familiare entra in un percorso di decadimento cognitivo chi gli sta accanto ha bisogno di capire cosa significhi e cosa fare per non venirne travolto.

Risale a tre anni fa la creazione di un innovativo percorso formativo per i caregiver e il loro benessere, la Caregiver Academy: un’Accademia dei CuraCari, un luogo dove apprendere che cos’è la demenza e come affrontarla. A causa della pandemia, questa scuola per caregiver è stata trasferita online.


La (D)Caregiver Academy - dove la (D) del nome sta per “demenza”, ma anche per “digitale - prevede 6 diversi moduli tematici affidati a docenti con una consolidata esperienza: una docente universitaria, una psicologa, un’assistente sociale, un’infermiera e un avvocato.

Ad accompagnare i partecipanti una tutor, anche lei psicologa, a disposizione per chiarimenti e supporto nell’utilizzo della piattaforma digitale www.caregiveracademy.it. I nuovi appuntamenti primaverili sono distribuiti in un arco temporale che va daL 6 aprile fino al 21 giugno prossimo, sono a partecipazione gratuita su prenotazione.

«Lo scorso anno, complice la pandemia, è sorta l’idea di creare una piattaforma digitale - spiega la Coordinatrice di CasaViola Antonella Deponte -. In questo modo i caregiver di tutta Italia, possono ormai usufruire gratuitamente delle lezioni, partecipare ai gruppi online, scaricare materiali utili e utilizzare i forum a loro dedicati. Da una ricerca che abbiamo svolto negli anni scorsi è emerso chiaramente quanto prendersi cura di persone con malattia di Alzheimer sia fonte di elevato stress e disagio psicologico, procuri ansia, depressione, deterioramento della salute e isolamento sociale. Esaminando i dati abbiamo ottenuto una rappresentazione del profilo “tipo” del caregiver: si tratta soprattutto di una donna over50, con uno stretto grado di parentela (figlia o moglie)».

L’accademia propone 6 moduli da 2 appuntamenti ciascuno, si inizia spiegando cos’è la demenza e poi, incontro dopo incontro, tocca i principali temi che è utile conoscere quando ci si prende cura di qualcuno con decadimento neuro-cognitivo: fornisce informazioni e consigli utili sulla comunicazione con persone con demenza, sul come affrontare i sintomi comportamentali, i bisogni assistenziali e la tutela giuridica.

Frequentare le lezioni della (D)Caregiver Academy è semplice e gratuito. È sufficiente scrivere una mail a casaviola@debanfield.it: il personale di CasaViola è a disposizione per indirizzare i partecipanti secondo i loro i bisogni. In questo modo, oltre a usufruire delle lezioni dell’Academy, sarà possibile anche iniziare un percorso di sostegno personalizzato e basato sulle proprie necessità.

Sempre oggi alle 16 in un’altra sezione della medesima piattaforma, caregiveracademy.it, un nuovo appuntamento con il corso Yoga per caregiver. Utile per ridurre i livelli di ansia, praticare Hatha Yoga migliora il benessere psicofisico e allevia lo stress e gli altri sintomi tipici di chi si prende cura di una persona con demenza.

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi