Pagine di Bora per ricordare i 140 anni de “Il Piccolo”

Giornalfoto, “Bora”, 1975 Fototeca Civici Musei di Storia ed Arte di Trieste

Martedì 30 marzo con il giornale un inserto che celebra uno dei simboli di Trieste

TRIESTE Bora, Caffè, Confine, Porto, Carso, Lingua, Viz, Mule, Bagni, Sardoni. Dieci parole per celebrare un appuntamento importante, i 140 anni dal primo numero del Piccolo, che uscì, con la firma del fondatore Teodoro Mayer, il 29 dicembre 1881. Dieci parole che, a cadenza mensile, svilupperemo in un inserto di otto pagine all’interno del giornale, a partire dall’edizione di domani, martedì 30 marzo, con un inserto tutto dedicato alla Bora. Ogni numero sarà monografico, dedicato interamente a ciascuna delle parole che abbiamo scelto per raccontare Trieste, Monfalcone, Gorizia.

Sono i territori dove Il Piccolo è storicamente radicato, senza per questo rinunciare, lungo il corso della sua lunga storia, a guardare più lontano, facendosi interprete delle aree che una volta erano divise da un confine e che oggi condividono un progetto o un’ispirazione europea. Un’identità geograficamente precisa e riconoscibile del quotidiano, che al tempo stesso ha saputo leggere e analizzare scenari nazionali e internazionali, diventando una voce di riferimento, glocal prima che il termine diventasse di moda.


Ma torniamo a alle dieci parole che accompagneranno i lettori di qui a dicembre, a partire da Bora, la protagonista del primo inserto in uscita martedì 30, cui seguiranno Caffè, Confine, Porto, Carso, Lingua, Viz, Mule, Bagni, Sardoni. Sono dieci termini, scelti con qualche inevitabile rinuncia, tra i tantissimi che possono raccontare l’anima complessa delle terre sul confine orientale, segnate pesantemente dalla storia del Novecento, ma capaci di rappresentare oggi, con un’unica voce, un’identità plurale, come quella di Gorizia e Nova Gorica capitali della cultura 2025.

Bora, dunque. Ogni inserto proporrà il racconto di uno scrittore, nel primo numero di Pino Roveredo, che con la parola protagonista ha un rapporto speciale. Roveredo nacque in una giornata di bora scura del 1954, una di quelle che nelle pagine centrali dello sfoglio testimoniano le splendide foto di Ugo Borsatti e Adriano de Rota conservate nella Fototeca dei Civici Musei del Comune. Anche la regista Cristina Comencini ha un suo ricordo particolare del vento di Trieste, che infuriava sullo schermo in una delle prime sequenze di film “Va’ dove ti porta il cuore”, da lei diretto venticinque anni fa, nel 1996, dal bestseller di Susanna Tamaro.

Nell’inserto inoltre le testimonianze di chi, dal punto di vista professionale, con la Bora ha avuto spesso a che fare, costretto a recuperare oggetti e umani letteralmente destabilizzati. Infine i tanti scrittori che le dichiarano amore incondizionato, come James Joyce, conquistato dalla sua presunta salubrità, o avversione viscerale, come il console britannico Charles James Lever e il suo successore, Richard Francis Burton, quest’ultimo impegnato a escogitare come depotenziarla. —
 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Calcio, giornalista molestata in diretta tv dopo Empoli-Fiorentina

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi