Contenuto riservato agli abbonati

«Noi, figli degli esuli, una generazione cresciuta senza radici da cui alimentarsi»

I parenti nei campi profughi e il nostro quotidiano fatto di povertà. Ma i genitori ci hanno trasmesso la memoria 

TRIESTE Il dopo eravamo noi. Dopo un esodo, dopo un campo profughi. Dopo tutto, c’eravamo. Come? Inconsapevoli. Credo che tutta una generazione di figli, di quei figli dell’Istria che se ne erano andati, sia vissuta senza avere ben chiaro il senso di appartenenza. Non eravamo esuli: eravamo i figli degli esuli. E la condizione era estremamente diversa. Il presente era solo il presente, senza radici nel passato, senza una terra antica da cui alimentarsi.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Metropolis/9, Castelli: "Ecco quanto metteremo contro il caro bollette e i ristori in arrivo"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi