Contenuto riservato agli abbonati

«C’era anche un giornalista del Piccolo fra gli intellettuali prigionieri in Texas»

Flavio Giovanni Conti ricostruisce la vicenda degli ufficiali italiani non collaboranti rinchiusi nel campo di Hereford fra il 1943 e il 1945

TRIESTE Lo hanno chiamato il campo di prigionia degli artisti e degli intellettuali. A Hereford, in Texas, tra i militari italiani catturati dagli angloamericani vi furono pittori come Alberto Burri, scrittori come Giuseppe Berto e giornalisti come Giosuè Ravaglioli. Quest’ultimo, romagnolo di Forlimpopoli, aveva lavorato al ‘Piccolo’ fino al 1938, quando in seguito all’introduzione delle leggi razziali venne estromesso dal giornale assieme al vecchio proprietario, Teodoro Mayer, e al direttore, l’antifascista Silvio Benco.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Trieste, la passeggiata cinematografica è a Melara

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi