Contenuto riservato agli abbonati

Ponte Curto è la realtà immaginaria sognata vicino alla casa di Joyce

Da Firenze ripensare con la nostalgia dei tempi del Covid a un non luogo dell’infanzia

TRIESTE. Da quando sono a Firenze e posso guardare i luoghi della mia città da un punto di osservazione d’eccezione come il Ponte Vecchio, vicino al quale ho abitato per un anno, guardando l’Arno solcato da barche di canottieri, o il Mugnone, canale lungo il quale passeggio ora, ripenso alle vie del centro triestino e a una piccola bitta dove da adolescente mi sistemavo appoggiando la schiena, leggendo un buon libro al sole.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Tutto calcolato, tra il superyacht e il ponte ci sono solo 12 centimetri

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi