Valentino Zeichen, il dandy profugo e poeta contro corrente: da Fiume alla baracca piena di serpenti

La guerra, l’esodo, la morte della madre. E una vita sopra le righe. Ora Gabriella Sica lo ricorda a 4 anni dalla scomparsa con un libro di versi. «Era l’unico che mi faceva ridere»

Sandwich con crema di sgombro, zucchine e fiori di zucca

Casa di Vita