L’uomo-penna e l’insostenibile follia del lavoro. Il sogno di Kafka: Trieste e quei mondi lontani

La Direzione di Budapest ritratta in una fotografia di fine '800 realizzata con banco ottico dallo studio Strelisky con lumeggiature a mano

Nel 1907 lo scrittore entrò come impiegato all'ufficio di Praga delle generali. Un posto ambito e “progressista”,  sperando di viaggiare all’estero. Poi come una... metamorfosi 

Misticanza con pesche, more, mandorle, feta greca e grano saraceno

Casa di Vita