«Vi racconto chi era mio padre, Elio Vittorini»

A Trieste il figlio Demetrio, docente e traduttore: «Non siamo ancora al fascismo ma l’allarme è giustificato»