Storie di felicità con gli attori della Porta Rossa all’ex Pescheria

Andrea Bosca e Lino Guanciale, protagonisti di "EveryChildIsMyChild"

“EveryChildIsMyChild” a ingresso libero con Lino Guanciale e il cast dello sceneggiato

TRIESTE Hanno deciso di sfruttare la propria fama per aiutare concretamente i bambini che vivono in territori di guerra, nella convinzione che ciascuno di noi abbia diritto almeno a un po’di felicità. Arriva anche a Trieste, grazie agli attori della fiction “La porta rossa”, l’iniziativa “EveryChildIsMyChild”, avviata da attori, registi, musicisti, autori, atleti per sostenere la Plaster School, centro educativo e ludico per i bambini profughi al confine tra Siria e Turchia.

Domani alle 20, in un luogo d’eccezione come il Salone degli Incanti, gli attori Lino Guanciale, Andrea Bosca, Gabriella Pession, Elena Radonicich, Gaetano Bruno, Cecilia Dazzi, Valentina D’Agostino, Fausto Sciarappa, Pierpaolo Spollon accompagnati dalle note della pianista Antonina Tea Sala, proporranno lo spettacolo a ingresso libero “Storie vere e magiche di piccola, grande felicità”.

Tratto dall’omonimo volume uscito per i tipi di Salani editore, anch’esso parte del progetto benefico, lo spettacolo li vedrà alternarsi sul palco: ciascuno di loro leggerà degli spezzoni delle storie contenute nel libro, scritte da 33 attori, tra cui gli stessi Guanciale, Bosca e D’Agostino. Storie fatte di immaginazione e di ricordi della propria infanzia, incentrate sul tema della felicità e della spensieratezza.

Nel corso della serata, attraverso la proiezione di una serie di video, saranno raccontate anche le ragioni e gli sviluppi del progetto. Proposto dalla Onlus Insieme si può fare, che opera in quei territori da anni, il progetto “EveryChildIsMyChild” ha già portato a risultati importanti: la Plaster School (Scuola Cerotto) è stata ricostruita e ha avviato le proprie attività, che ora vanno sostenute di giorno in giorno. Al Salone degli Incanti sarà anche possibile acquistare il libro da cui è tratto lo spettacolo, mentre a seguire, al Savoia Excelsior Palace, si terrà la Charity Dinner, la cena di beneficenza organizzata per l’occasione.

«Non accade spesso che tra attori si formi una comunione d’intenti così forte – commenta Lino Guanciale –: questo progetto ci consente di sfruttare la nostra notorietà per un’operazione molto concreta, con delle ricadute preziose nel mondo reale». L’iniziativa è stata resa possibile dalla collaborazione tra la onlus “EveryChildIsMyChild”, il Comune e Arts Communication.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

La Palma, il drone riprende il fiume di lava che si fa largo tra le case

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi