È a Trieste il lupo grigio di Frank Get

Oggi alla Casa della Musica il cantautore dall’anima blues presenta il suo ultimo album “Gray Wolf”

TRIESTE. Oggi alle 21.30 Frank Get presenta, in anteprima all’Auditorium della Casa della Musica di Via dei Capitelli, il suo nuovo album «Gray Wolf», in uscita il 25 novembre. La serata, ad ingresso gratuito, è organizzata dall’associazione Trieste is Rock. Interamente composto da Frank Get – al secolo Franco Ghietti – «Gray Wolf» è stato registrato con la stessa formazione che lo accompagna in tour e che suonerà anche alla Casa della Musica: Tea Tidić (basso e voci), Andrea Reganzin (tastiere) e Giulio Roselli (batteria). Su disco la sezione fiati (The Jailhouse Horns) è invece composta da Angelo Chiocca (sax), Giorgio Ruzzier (tromba) e Andrea Bortolato (trombone); fotografie e grafica sono di Massimo Goina. «Sabato faremo un set unico che comprenderà il nuovo disco più alcuni brani tratti dai miei album precedenti (sia solisti, sia quelli con Ressel Brothers e Tex Mex)», anticipa Get.

«Gray Wolf» è il 14esimo album del songwriter triestino dall’anima blues, che racconta: «Proseguo in parte il discorso avviato già con “To Milk a Duck!,” il lavoro realizzato con i Ressel Brothers nel 2014, e soprattutto con il mio precedente disco da solista, “Rough Man”. Questa volta però, invece di parlare di storie direttamente legate alla mia famiglia, ho deciso di raccontare la vita di alcune persone importanti del nostro territorio, troppo presto dimenticate». Ad esempio, la storia del bandito che portò a termine una serie di audaci colpi tra Istria e Trieste: «”Colarich the bandit” non vuole essere una celebrazione di questo personaggio. Nel brano cerco di descrivere la situazione storica e sociale che dopo la Prima Guerra Mondiale lo portò a fare certe scelte criminali». “The ballad of Carl Weyprecht” è dedicata a una delle personalità più illustri della Trieste asburgica: esploratore, scienziato e ufficiale della Marina Militare austro-ungarica, Weyprecht prese la cittadinanza triestina e legò il suo nome alla scoperta della Terra di Francesco Giuseppe. Con “Nora”, il cantautore fa parlare direttamente la compagna di James Joyce: «Lei fu fondamentale per Joyce, senza il suo appoggio probabilmente molti libri non sarebbero stati scritti. Penso inoltre che sia un simbolo dell’emancipazione femminile: decise di seguire il suo amore, di convivere e di fare figli senza sposarsi in un’epoca in cui questo era visto molto male. Un esempio di donna che ritengo sia ancora molto attuale». Grazie al brano “The outlaw priest” è invece possibile conoscere la curiosa storia di Josip Velikanje, il sacerdote con la pistola originario di Idria – Idrija (Slovenia) che, a cavallo tra XX e XXI secolo, non esitò a ricorrere alle maniere forti per diffondere la parola di Dio tra i fedeli della parrocchia di Sanvincenti – Svetvinčenat (Istria). Altri brani, come “Hard Times”, “Homeless” e “Identity”, sono dedicati all’attuale situazione sociale, alle difficoltà del momento storico. Sulle chiusure di alcuni locali cittadini Get commenta: «Non vedo molti sbocchi, sia per la scarsissima cultura nei confronti degli spazi di aggregazione - sarebbe ora di far capire che un club che lavora con la musica dal vivo non è un luogo di perdizione, ma al contrario un luogo di incontro dove confrontarsi e trovare, ad esempio, una maniera di socializzare e comunicare che sia “umana” e non solo virtuale (come purtroppo normalmente accade) - sia per le enormi difficoltà burocratiche che oramai attanagliano tutti i settori di questo Paese. Queste chiusure ci hanno toccato direttamente, infatti avremmo dovuto fare la presentazione al Serra Hub, ma non è stato possibile appunto per la repentina chiusura. Per fortuna, grazie alla disponibilità di Gabriele Centis della Scuola 55 e dell’inossidabile team di Trieste is Rock che patrocina l’evento, abbiamo avuto la possibilità di presentare il nuovo cd all’auditorium della Casa della Musica». Conclude con i prossimi impegni: «Il 2 dicembre avrò l’onore di partecipare nuovamente alla tappa del Light of Day Benefit Tour, per l’ottavo anno consecutivo a Trieste, il sound della East Coast americana a favore della ricerca sul Parkinson, SLA e Sclerosi Multipla, che si terrà come già da otto anni al Teatro Verdi di Muggia. Subito dopo inizieremo il “Gray Wolf Tour”, con un paio di date unplugged sia in regione sia a Trieste, ed altre date full band in Veneto (Sacco e Vanzetti a Concordia Sagittaria) e Slovenia. Per l’anno venturo al momento abbiamo in programma alcune date in Italia, Austria, Croazia, Slovenia e Francia».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi