È di Fiume il “Il vento degli altri”

Dal baule del passato Silvia Cuttin tira fuori storie e memorie di gentre comune, nella Fiume del 1920, crogiolo di etnie e tensioni politiche e storiche che faranno della città uno dei tragici...

Dal baule del passato Silvia Cuttin tira fuori storie e memorie di gentre comune, nella Fiume del 1920, crogiolo di etnie e tensioni politiche e storiche che faranno della città uno dei tragici laboratori delle guerre a venire. È “Il vento degli altri” (Pendragon, pagg. 334, Euro 16,00) romanzo polifonico ambientato in una delle case in stile liberty della città dove vivono famiglie di diverse identità, cultura e provenienza: italiani, ungheresi, ebrei polacchi, croati. Da qui comincia il racconto che galoppa per quasi un secolo, durante il quale le vicende degli abitanti di via Rossini scorrono parallele a quelle di Fiume, all’inizio corpus separatum del Regno di Ungheria, poi Stato libero prima di diventare italiana, quindi annessa alla Germania, jugoslava e infine croata.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Processo Depp, Kate Moss smentisce Heard: “Non mi ha mai picchiata durante tutta la relazione”

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi