Un ricordo di Dario Fo con Ugo Dighero

Al “Verdi” di Pordenone serata speciale con “Mistero buffo” e “Ciao Dario”

PORDENONE. Pordenone rende omaggio a Dario Fo, oggi alle 18, al Teatro Verdi, con una serata speciale. Si partirà dallo spettacolo "Mistero buffo", monumento del teatro del '900, capolavoro in cui l'arte di Fo, recuperando le origini del teatro, raggiunge “il massimo livello di novità e originalità per diventare un modello di riferimento per tutto il teatro del Novecento”. Uno spettacolo che sembrava un tutt'uno con il suo creatore e con la corporeità di Dario Fo: riesce invece a reinventarlo su di sé Ugo Dighero, ex Broncoviz, artista genovese che il grande pubblico conosce anche per i successi televisivi (consacrato negli anni '90 quando era nel cast di “Mai Dire Gol”), recuperando come in Fo l'attore bambino/Zanni; l'incantamento davanti ai miracoli di Gesù Bambino altro non è che lo stupore del comico, la fisicità esibita come una linguaccia.

Alle 20.15 l'omaggio proseguirà con un appuntamento speciale, organizzato nel foyer del terzo piano del teatro (i posti sono limitati: prenotazione allo 0434 247624), Ugo Dighero e Piero Sciotto, storico collaboratore a amico di Fo, saranno al centro dell'incontro "Ciao Dario": una serata fra amici, con il pubblico, per parlare di un grande compagno, collega e maestro. Per scoprire e svelare gli aspetti più umani, intimi e segreti del suo genio creativo, "Mistero buffo" è stato inserito dal Comunale a inizio stagione, scelto come spettacolo perfetto per celebrare il grande gioco del teatro e per testimoniare come si tratti di un classico a tutti gli effetti, declinabile nel tempo e nei luoghi. Ora, arriva a Pordenone a un mese dalla morte di Dario Fo, che è stato presente come autore in molti dei cartelloni del passato e ha inoltre calcato da attore il palcoscenico del Teatro Verdi: il 10, 11 e 12 dicembre 1991 fu infatti protagonista di "Johan Padan e la discoverta de le Americhe".

Video del giorno

Max Tramontini si candida come consigliere comunale di Trieste

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi