Tre minuti e 19 candidati. Sfida tra scienziati al Miela

Domani mattina al Miela torna FameLab, il talent show con diciannove giovani scienziati

A FameLab giovani ricercatori con il talento della comunicazione devono trasmettere al pubblico il fascino e l’importanza della ricerca

TRIESTE Il cronometro, fissato a 3 minuti, è pronto a partire: oggi, giovedì, alle 9, al Miela, tornano a far tappa a Trieste le selezioni locali di FameLab, la competizione che sfida i giovani ricercatori scientifici con il talento della comunicazione a raccontare in pochi minuti il proprio oggetto di studi o un argomento scientifico che li appassiona.

FameLab è una competizione internazionale ideata dal Cheltenham Science Festival, promossa in 28 Paesi dal British Council e coordinata in Italia da Psiquadro. A Trieste la gara è organizzata da Immaginario scientifico, Comune di Trieste, Università e Sissa. Quest’anno a salire sul palco del Miela ci saranno 19 candidati: avranno a loro disposizione tre minuti esatti e solo una manciata di parole per far emergere il proprio talento comunicativo e per trasmettere al pubblico il fascino e l’importanza della ricerca scientifica, in maniera coinvolgente e comprensibile a tutti.

Per meglio ottenere questi risultati, nei giorni scorsi i partecipanti della selezione triestina hanno avuto la possibilità di partecipare a uno stage preparatorio con l’attore Adriano Girardi, che li ha coinvolti in esercizi e prove sul palco, dando poche semplici dritte per tenere sotto controllo respiro, movimento e voce, in modo da migliorare le loro presentazioni.

I candidati provengono da 7 enti scientifici della regione e da 2 fuori regione: Università di Trieste, Sissa, Ictp, Osservatorio astronomico di Trieste, Ogs, Elettra-Sincrotrone, Centro di riferimento oncologico di Aviano, Università di Parma e Università di Trento. Con 10 uomini e 8 donne a mettersi alla prova, sarà interessante scoprire chi ha maggiore capacità di catturare l’attenzione della giuria, che quest’anno sarà composta dall’attrice Sara Alzetta, Nicola Bressi (direttore dei Musei scientifici di Trieste), Anna Gregorio (astrofisica all’Università di Trieste), Serena Mizzan (direttrice dell’Immaginario scientifico) e da Donato Ramani (responsabile di progetto del Master in comunicazione della scienza della Sissa).

Ad assistere allo spettacolo ci saranno 250 studenti delle superiori della regione (ma lo show è aperto al pubblico e gratuito), che avranno modo di scoprire il lato più leggero della scienza e della ricerca, nonché di votare per il proprio candidato preferito. Sul palco, ad animare lo spettacolo, ci sarà inoltre la travolgente simpatia del duo comico “I Papu”.

Ai primi due classificati andrà un premio in denaro di 400 e 200 euro. I due finalisti avranno accesso alla finale nazionale del concorso, che avrà luogo il 26 aprile a Roma, all’Agenzia spaziale italiana. Il vincitore di FameLab Italia affronterà infine gli altri concorrenti provenienti da ogni parte del mondo nella finale di FameLab International, a giugno, a Cheltenham (in Inghilterra).

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi