In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
PROVA

Ecco il tram, come sferraglia. Ma la festa è con il modellino

Venerdì un giorno dedicato al simbolo della città: dal pomeriggio e fino alle 22 oggetti, foto e una trenovia in scala che circolerà con il suo carro scudo. E cioccolatini per tutti

di Andrea Di Matteo
1 minuto di lettura
Il tram di Opicina 

Una giornata dedicata a uno dei più amati simboli di Trieste, apprezzato in primis dai triestini e poi da turisti e appassionati che ogni anno arrivano in città appositamente per vederlo da vicino e, perché no, anche per compiere una bella corsa.
Così, in attesa di veder sferragliare il vero tram di Opicina, venerdì 27 giugno dalle 16 alle 22 verrà organizzata in anteprima una giornata tutta per lui. Infatti, la pasticceria OroColato di via Cassa di Risparmio 9 proporrà un pomeriggio dedicato appunto allo storico mezzo di locomozione che dal 1902 collega Trieste al borgo carsico, dal significativo titolo “Aspettando il tram di Opicina”. «Fotografie, vecchi oggetti, modellini e tutto ciò che racconta la storia del tram de Opcina - spiega Roberto Mosenich, titolare delle pasticcerie OroColato e Saint Honorè - saranno di scena in via Cassa di Risparmio, come auspicio benaugurante che il tram possa riprendere a funzionare quanto prima». Un appuntamento da non perdere assolutamente per vedere tanto materiale d’epoca eccezionalmente riunito in una location insolita.
Ma non solo, perché la vera attrazione sarà un modellone di tram di Opicina, realizzato in scala 1:22,5 con scartamento metrico, che circolerà assieme al vecchio carro scudo arancione su uno speciale circuito realizzato per l’occasione. Si tratta di un pezzo raro, appartenente alla collezione del FerClub Mitteleuropa di Servola e donato al sodalizio dal socio onorario Umberto Russo. Costruito in modo artigianale secondo disegni originali e con scupolosa precisione, riprende la scala 2 M, quella utilizzata dalle ferrovie da giardino.
A corredo di questo eccezionale modello, esposto per la prima volta in città, saranno esposti pannelli fotografici a cura del Museo Ferroviario e alcuni oggetti tranviari. Ma le sorprese non finiscono qui: infatti questa sarà pure una “dolce” festa. «Invito tutti i triestini e non - continua Mosenich - a venirci a trovare: sarà un modo per renderci conto di quanti siamo realmente legati al tram e soffriamo per la sua prolungata assenza. Questa sarà anche l’occasione per assaggiare i cioccolatini a forma di tram che produco da oltre vent’anni, un omaggio che ho voluto rendere a uno dei simboli della nostra città e che offrirò a chi vorrà partecipare al nostro evento». Assieme al modellone di tram, saranno presenti anche alcuni esemplari di autobus in scala 1.43 in dotazione a Trieste Trasporti e in circolazione sulle strade della provincia di Trieste. Quindi sarà una festa dedicata al trasporto pubblico, anche se protagonista indiscussa della giornata sarà la trenovia.
 

I commenti dei lettori