In piazza Leidseplein

Assalto all’Apple Store di Amsterdam: ore di paura per 70 persone

Assalto all’Apple Store di Amsterdam: ore di paura per 70 persone
(afp)
Un uomo armato di pistola e fucile si è introdotto nel negozio intorno alle 18 di martedì 22 febbraio: voleva 200 milioni in criptovalute, è stato arrestato 5 ore dopo e gli ostaggi tutti liberati
1 minuti di lettura

Si è conclusa solo poco prima delle 23 di martedì notte, la situazione di pericolo che si era creata all’interno dell’Apple Store di Amsterdam, dove un uomo armato aveva preso in ostaggio 70 persone, barricandosi dentro per ore.

Tutto è iniziato poco prima delle 18 nella centralissima piazza Leidseplein (mappa più sotto), dove un giovane di 27 anni si è introdotto nello Store, ha estratto le armi che aveva con sé, una pistola e un fucile automatico, e ha iniziato a fare le sue richieste: voleva 200 milioni di euro in criptovalute e la possibilità di lasciare l'edificio senza essere fermato. Il 27enne, che avrebbe alcuni precedenti penali, ha sparato almeno 4 colpi in aria e anche “ha minacciato un ostaggio con una pistola e ha minacciato di farsi saltare in aria”, come ha raccontato il capo della polizia di Amsterdam, Frank Pauw.

mappa 3d: l’Apple Store di Amsterdam, teatro dell’assalto

Le trattative e poi la liberazione

Sono iniziate le trattative, che si sono rivelate in qualche modo fondamentali per sbloccare la situazione: l'ostaggio che l’assalitore teneva sotto tiro, un cittadino britannico di 44 anni, è riuscito a fuggire dallo Store quando un robot della polizia ha portato una bottiglietta d'acqua al rapitore; il 27enne è corso fuori per bloccarlo e in quel momento è stato colpito da un’auto della polizia, è finito a terra ed è stato bloccato e arrestato. Parlando con la stampa locale, Pauw ha sottolineato che “l'ostaggio ha svolto un ruolo eroico, portando a una svolta. Altrimenti saremmo potuti stare qui tutta la notte”.

Con l’eccezione dell’assalitore, non si ha notizia di persone rimaste ferite: gli altri 70 clienti presenti all’interno del negozio, che si sviluppa su più piani, erano stati fatti uscire dalle forze dell’ordine durante le trattative.

twitter: la polizia davanti all’Apple Store

twitter: il sequestratore investito da un’auto

Le congratulazioni di Apple

Questa mattina, l’azienda di Cupertino ha emesso un breve comunicato che per dire che “siamo incredibilmente grati e sollevati che i nostri dipendenti e clienti ad Amsterdam siano al sicuro dopo questa esperienza terrificante” e per ringraziare la polizia olandese per “il lavoro eccezionale”.