Tech parade

Marte, Facebook, genetica: i libri del 2021 da leggere assolutamente

Marte, Facebook, genetica: i libri del 2021 da leggere assolutamente
La lista dei migliori saggi dell'anno su Spazio, astronomia, nuove tecnologie e fisica. Dieci volumi scelti per i temi appassionanti ma anche (e soprattutto) per la scrittura chiara e semplice con cui questi vengono esposti, che conquisterà anche i più digiuni di materie scientifiche
5 minuti di lettura

Quando abbiamo smesso di capire il mondo
Benjamín Labatut
Adelphi

Lo scrittore cileno Labatut ha un dono: riesce a trasformare rivoluzioni scientifiche complesse in avventure appassionanti, degne della penna di Wilbur Smith. La scoperta casuale dell’arsenico, quella angosciante dei buchi neri e quella letale del cianuro e più in generale dei gas tossici: questi (e altri) passi in avanti della scienza moderna si devono a uomini geniali e talvolta fragili - da Fritz Haber a Karl Schwarzschild passando per Albert Einstein - ritratti alla perfezione da Labatut in questo volume di appena 180 pagine. Il titolo del libro è una sorta di comune denominatore delle storie di questi scienziati: l’illuminazione più grande, l’idea più folgorante, è arrivata quando hanno smesso di capire il mondo così com’era inteso fino a quel momento, per tentare strade nuove verso una comprensione totalmente nuova.

 

Benvenuti nell’antropocene
John Green
Rizzoli

Il libro riprende e approfondisce le storie che lo statunitense John Green ha raccontato nel suo podcast di successo, Antropocene, in cui affronta temi intriganti - molti di questi tecnologici o scientifici - con la ‘scusa’ della recensione: a ogni argomento l’autore assegna un voto da 1 a 5, motivando il suo giudizio attraverso racconti approfonditi che intrecciano fatti storici e aneddoti personali. La lettura scivola via veloce, ogni capitolo è una storia a sé. Alla fine si impara di tutto: dal passaggio della cometa di Halley alla nascita di Internet, fino all’invenzione della tastiera Qwerty.

 

Facebook: l’inchiesta finale
Sheera Frenkel e Cecilia Kang
Einaudi

Prima ancora dei Facebook Papers del Washington Post, e delle rivelazioni della whistleblower Frances Haugen sugli effetti negativi di Facebook su adolescenti e democrazie, Frenkel e Kang - due giornaliste del New York Times - hanno pubblicato un reportage straordinario su social network di Zuckerberg, che avrebbe permesso - tra le altre cose - ingerenze da parte della Russia nelle elezioni americane del 2016. Questo libro, nato dagli articoli del 2018, è diventato un’inchiesta approfondita su Facebook: dalla sua nascita negli anni Duemila allo strapotere dei nostri giorni. Oltre mille ore di interviste a più di 400 persone tra cui dipendenti, ex impiegati, investitori, executive e consulenti di Facebook. Il risultato è un affresco magnifico su una delle più grandi (e più discusse) rivoluzioni dei nostri tempi e sulla persona di Mark Zuckerberg.

 

I numeri non mentono
Vaclav Smil
Einaudi

Nell’epoca delle fake news c’è solo un modo per stabilire la verità: ricorrere ai numeri. I dati non mentono, è questa l’affermazione incontrovertibile da cui parte Smil per il suo saggio ricco di statistiche, grafici e infografiche che piacerà anche a chi non ha mai amato la matematica. Smil, professore emerito presso la facoltà di Scienze ambientali dell’Università di Manitoba a Winnipeg, in Canada, attraverso “dati certi” - più difficili da recuperare di quanto si possa credere - intende dimostrare “quale verità essi veicolano”. E dunque nel suo libro cifre e percentuali aiutano a capire, per esempio, “che succede quando facciamo meno figli”, se “l’aspettativa di vita è quasi al limite” e “perché il diesel merita ancora considerazione”.  

 

Marte. L’ultima frontiera
Sarah Stewart Johnson
Sperling & Kupfer

È arrivato in Italia con un anno di ritardo questo saggio inserito dal New York Times “tra i migliori libri del 2020”. È un giudizio che non facciamo fatica a condividere. Marte è il pianeta su cui in molti sognano di trovare forme di vita e su cui un imprenditore visionario, Elon Musk, spera di trasportare gli esseri umani con i razzi di SpaceX già a partire dal 2026. Mai come in questi anni abbiamo visto “da vicino” Marte, con i rover Nasa (e non solo) che trasmettono scatti ad alta risoluzione da milioni di chilometri di distanza. Lo sa bene Sarah Stewart Johnson, autrice di questo libro che ha preso parte alle missioni Spirit, Opportunity e Curiosity che hanno raggiunto la superficie marziana. Stewart Johnson, ricercatrice di planetologia presso l’Università di Georgetown, ha scritto più di 300 pagine per raccontare perché siamo ossessionati da Marte e per rivivere, con particolari e aneddoti affascinanti, il lungo viaggio di ricercatori e scienziati verso la conoscenza del pianeta rosso.

 

Pensieri della mosca con la testa storta
Giorgio Vallortigara
Adelphi

Il titolo è bizzarro e intrigante, il contenuto è ancora più sorprendente: la coscienza - questa sconosciuta - e la capacità di sentire degli esseri viventi sono al centro di questo saggio di Vallortigara, professore di Neuroscienze e Cognizione animale presso l’Università di Trento nonché abile divulgatore scientifico. “Secondo molti miei colleghi la coscienza, il fatto di avere esperienze, di sentire qualcosa, è legata alla quantità o alla ricchezza di strutturazione degli elementi del sistema nervoso” scrive Vallortigara, che con il suo libro prende invece una direzione totalmente opposta, nel tentativo di dimostrare che “le forme basilari della vita mentale non necessitino di grandi cervelli”. Per sostenere la sua tesi, Vallortigara ci accompagna in un percorso di studi e ricerche su esseri, come gli insetti, che il pensiero comune vuole incapaci di sentire, di provare esperienze insomma. Vi stupirà sapere che le api, pur contando su un numero di neuroni infinitamente piccolo (circa 960mila) rispetto agli esseri umani, sono in grado proprio come noi di distinguere la differenza tra un Monet e un Picasso.

 

Decifrare la vita
Walter Isaacson
Mondadori

Ex caporedattore del Time ed ex presidente (e amministratore delegato) della Cnn, Isaacson è diventato negli ultimi anni la firma più acclamata in tema di biografie: è diventata una pietra miliare quella che ha raccontato la vita di Steve Jobs, è estremamente affascinante quella che ha fatto rivivere il genio di Leonardo da Vinci (entrambi volumi Mondadori). Insomma Isaacson è una garanzia in questo senso: quando sceglie una vita da raccontare, vale la pena leggerla. Non fa eccezione la sua ultima fatica dedicata a Jennifer Doudna, la scienziata premio Nobel che ha rivoluzionato l’editing genetico. L’attacco del libro è un preambolo che fa capire al lettore che non avrà scampo, e che andrà fino in fondo alle 562 pagine che compongono la biografia: “Fosse nata in qualsiasi parte dell’America, Jennifer Doudna avrebbe potuto sentirsi una ragazza normale. Ma a Hilo, una vecchia cittadina in una regione costellata di vulcani della Grande Isola di Hawaii, il fatto che fosse bionda, con gli occhi azzurri e magra la faceva sentire, disse più tardi, “come se fossi un vero fenomeno da circo””. Inizia così la storia della donna che, nel 2012, è giunta a una scoperta rivoluzionaria - il trasferimento della tecnica Crispr all’editing del genoma umano - che ora viene impiegata da chi affronta malattie genetiche, dalla ricerca contro il cancro e da chi combatte e malattie infettive.

 

Inseguendo un raggio di luce
Amedeo Balbi
Rizzoli

Non è sicuramente il primo saggio che accompagna alla (ri)scoperta della teoria della relatività. Eppure l’astrofisico - e professore associato all’Università di Roma Tor Vergata - Amedeo Balbi, come spesso è accaduto in passato con le sue pubblicazioni, ha trovato anche stavolta la chiave giusta per avvicinare il lettore, anche il meno preparato in fisica e matematica, all’intuizione più famosa di Albert Einstein, quella che ha ridisegnato i concetti di spazio e tempo. Balbi ci riesce alternando spiegazioni scientifiche chiare e precise a quelle che ha chiamato “Pause di fantascienza”, brevi capitoli in corsivo in cui i concetti più complessi vengono rivisti e analizzati alla luce di film, serie tv e fumetti ambientati nello Spazio, in altre dimensioni e generalmente in un futuro molto lontanto.

 

Quando la Terra aveva due Lune
Erik Asphaug
Adelphi

È davvero una “storia dimenticata del cielo notturno” quella raccontata da Asphang, professore di Scienze planetarie presso la School of Earth and Space Exploration alla Arizona State University. È la storia di un tempo lontanissimo in cui i pianeti ancora non esistevano. Ma c’è molto più del big bang nelle pagine di Asphang. Ci sono studi, teorie e analisi di impatti più o meno giganti avvenuti nell’universo. Come quello che sarebbe avvenuto tra Theia, un corpo celeste delle dimensioni simili a quelle di Marte, e la Terra: è questa la teoria più utilizzata dalla comunità scientifica quando si deve spiegare la formazione della Luna. Le parole di Asphang hanno la forza di immagini al rallenty che permettono di visualizzare, con estrema chiarezza, gli urti inimmaginabili che hanno lasciato il segno sulla superficie del pianeta che abitiamo e su quelli che possiamo solo osservare da lontano.  

 

Amazon. L’impero
Brad Stone
Hoepli

Brad Stone colpisce ancora. Il giornalista del New York Times che ha raccontato la genesi di Amazon e la carriera del suo fondatore nel bestseller “Vendere tutto. Jeff Bezos e l’era di Amazon” (edito sempre da Hoepli), torna sulla vita e sull’impero di uno degli uomini più ricchi del mondo che ha abbandonato proprio quest’anno la guida della sua creatura, lasciando la poltrona di ceo ad Andy Smith. Quasi dieci anni sono passati da “Vendere tutto”, un tempo in cui Amazon e i suoi servizi sono cresciuti a dismisura. Proprio a questa trasformazione - da ‘semplice’ gigante della distribuzione a, tra le altre cose, produttore e distributore di contenuti in streaming - è dedicato il libro di Stone, che trova il modo di svelare nuovi retroscena sul genio di Bezos. Come quando, nel gennaio 2011, l’imprenditore scrisse una mail ai vertici della sua azienda in cui annunciava: “Dobbiamo realizzare un dispositivo da 20 dollari la cui intelligenza risieda nel cloud e che sia possibile comandare unicamente attraverso la nostra voce”.


Meritano una menzione speciale anche altri volumi usciti nel 2021: 

Sulle origini della vita, del significato e dell'universo
Sean Carroll
Einaudi

Metazoa
Peter Godfrey-Smith
Adelphi

Come potrebbe essere il domani
Massimo Inguscio, Gabriele Beccaria
Bur Rizzoli

La macchina del gene
Venki Ramakrishnan
Adelphi