A tu per tu con Daisy, il robot Apple che ricicla gli iPhone

Uno sguardo esclusivo al sistema robotico che recupera terre rare e altri materiali preziosi dagli smartphone alla fine del ciclo di vita. Partito come un esperimento nel 2012, oggi il sistema può processare fino a 2,4 milioni di dispositivi all’anno
4 minuti di lettura

In un capannone industriale alla periferia di Breda, nei Paesi Bassi, abbiamo visto per la prima volta uno dei prodotti Apple più innovativi degli ultimi dieci anni. Non è un computer, uno smartphone o un tablet, ma un robot industriale. Si chiama Daisy e il suo compito è smontare gli iPhone giunti alla fine del ciclo di vita per recuperare terre rare, tungsteno, alluminio, acciaio, rame, oro e molti altri materiali con un'efficienza inarrivabile per i sistemi di riciclo tradizionali.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori