MacBook Pro, Mac mini, AirPods 3, iPad Air: tutte le novità attese all'evento Apple

MacBook Pro con notch: il rendering è di 9to5Mac 
Nessun indizio, ma tante indiscrezioni per l'evento di ottobre: certamente arriveranno i nuovi Mac portatili con la nuova generazione di chip Apple Silicon destinati al mercato professionale, ma a Cupertino potrebbero avere in serbo anche altre sorprese
3 minuti di lettura

L’anno non è ancora finito, e dopo l'iPhone 13 di settembre, Apple ha in serbo ancora importanti novità e diverse sorprese. Alcune le vedremo il 18 ottobre, nel consueto evento di lancio che segue quello degli iPhone. Di solito a Cupertino questo è il momento riservato ai computer, e in qualche caso agli iPad e agli accessori. 

L’invito arrivato alla stampa non dice molto, come al solito: una sola parola, “Unleashed” (“scatenato”, più o meno) e un’animazione che suggerisce l’idea della velocità. Il riferimento è evidente, per chi segue il mondo Apple e unisce le allusioni che arrivano da Cupertino con le indiscrezioni che circolano in Rete: ci sarà un nuovo processore, e sarà molto potente. Tutti infatti si aspettano che Tim Cook presenti il nuovo chip M1X (o M2, come potrebbe anche essere chiamato), esattamente un anno dopo il primo M1 che equipaggia attualmente i computer della Mela destinati al mercato consumer. Stavolta l’evento sarebbe dedicato invece soprattutto al mercato dei professionisti, e l’M1X finirà certamente nei nuovi MacBook Pro.

iPhone 13, 13 mini, Pro e Pro Max: la prova in anteprima

Come saranno
Per Bloomberg, il nuovo chip M1X sarà caratterizzato da otto core ad alte prestazioni e due core ad alta efficienza, disponibili in varianti da 16 o 32 core grafici. Dovrebbe aumentare la quantità di memoria RAM: fino a 64GB, contro i 16GB dell’attuale chip M1. I nuovi MacBook Pro avranno un numero maggiore di porte: tornerà in qualche modo il MagSafe per la ricarica, e dovrebbero essere presenti anche HDMI e scheda SD. Quasi certamente Apple abbandonerà la Touch Bar per tornare ai convenzionali tasti funzione. I display dovrebbero adoperare la nuova tecnologia mini-LED per i display, la stessa utilizzata per l'iPad Pro da 12,9 pollici annunciato all'inizio di quest'anno. Potrebbe esserci anche il supporto della frequenza di aggiornamento a 120Hz. 

I nuovi MacBook Pro potrebbero avere un design completamente nuovo con bordi piatti simili a quelli dell'iPad Pro e dell'iPhone 13 e due dimensioni del display: da 16 pollici, come nell’attuale modello con processore Intel, e da 14 pollici, contro i 13 del modello attuale. In rete circolano alcuni rendering che mostrano un notch nel display, come sull’attuale iPhone, una soluzione che però appare alquanto improbabile, dal momento che non c’è necessità di altri sensori oltre alla fotocamera: il MacBook Pro continuerà ad avere un sensore di impronte digitali e non adotterà FaceID, a sentire gli esperti più accreditati di cose Apple. 

Mac mini Pro
I nuovi portatili professionali non sono gli unici aggiornamenti Mac che Apple ha in cantiere. Bloomberg ha riferito che il nuovo Mac mini avrà specifiche identiche al MacBook Pro M1X con fino a 64GB di RAM, CPU a 10 core e 16 o 32 core grafici. Il piccolo desktop di Apple potrebbe introdurre anche un nuovo design: si parla di uno chassis esterno ridisegnato con un materiale riflettente "simile al plexiglass" sulla parte superiore accoppiato con un involucro di alluminio. Anche qui potrebbero arrivare porte aggiuntive rispetto all'attuale Mac mini, e il connettore MagSafe introdotto sull'iMac da 24 pollici all'inizio di quest'anno. Sarebbe dunque una sorta di versione “pro” del più piccolo computer di Apple, che si affiancherebbe al modello attuale con chip M1 e sostituirebbe invece quello con chip Intel, attualmente ancora in vendita come opzione top di gamma. 

macOS Monterey
Sempre a proposito di computer, all’evento di lunedì è atteso l'annuncio ufficiale della disponibilità di macOS Monterey. Il nuovo sistema operativo per i Mac è stato annunciato alla WWDC nello scorso giugno ed è attualmente ancora nella fase di Beta pubblica; potrebbe essere lanciato già questa settimana. Tra le novità più importanti, macOS Monterey include un nuovo Safari, AirPlay to Mac, SharePlay, e miglioramenti a FaceTime, e molto altro ancora. 

Il resto
Si parla da tempo di AirPods 3, e certamente i nuovi auricolari true wireless di Apple arriveranno prima di Natale; questo potrebbe essere il momento giusto per il lancio. Gli AirPods 3 dovrebbero avere un aspetto simile agli AirPods Pro, con steli più corti e un design dell'orecchio più arrotondato. Dovrebbero aggiungersi agli attuali AirPods 2, che potrebbero rimanere in vendita come modello base a un prezzo ridotto: presenteranno diversi miglioramenti ma non avranno - pare - la cancellazione del rumore e altre funzioni avanzate presenti sugli AirPods Pro. Apple potrebbe anche lanciare una versione aggiornata dell’iPad Air, uscito giusto un anno fa, con un processore più potente e la connessione 5G. Nessun cambiamento è previsto nel design, eccetto forse qualche nuovo colore. 

Cosa non ci sarà
Non ci sarà certamente un Mac Pro con processore M1, e con ogni probabilità nemmeno un nuovo iMac con schermo da 27 pollici o iMac Pro: la transizione ai chip Apple Silicon è ancora in corso, e lo stesso Tim Cook aveva parlato di un periodo di almeno due anni perché fosse completa.