In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Lautaro su Inter Manchester City: “Stesse sensazioni della finale Mondiale, daremo tutto”

Parlano i calciatori dell’Inter alla viglia del City. Darmian: «Cuore e sacrificio, per me ex United è un derby». Calhanoglu: «La Turchia tiferà per me, spero di vincere e segnare»

dal nostro inviato antonio barillà
Aggiornato alle 1 minuto di lettura

Creato da

(afp)

ISTANBUL. Per Matteo Darmian sarà una sfida particolare, suggestione Champions e derby personale: “Ho giocato nello United e ho avuto modo di affrontare il City diverse volte, ovvio che per me questa finale abbia un significato speciale. Conosciamo bene la loro forza, ma abbiamo tutto per metterli in difficoltà. Dovremo essere bravi a fare le scelte giuste, a comprendere quando abbassarci e quando pressare alto. Cerchiamo di portare avanti le nostre idee, con cuore e sacrificio: daremo tutto per la società, lo staff, i tifosi. Saranno i dettagli a fare la differenza”. Massima concentrazione, nessuna ansia: “Ci portiamo dentro tante emozioni, siamo a un buon livello fisico e mentale ma dovremo dimostrarlo fin dal primo minuto scendendo in campo con la solita determinazione. Siamo un grande gruppo, stiamo bene insieme”.

Pochi mesi fa, Lautaro Martinez giocava a Doha la finale del Mondiale con l’Argentina, adesso a Istanbul si gioca la Champions con l’Inter, sperando nello stesso risultato: ”Gli appuntamenti più importanti per un calciatore – riflette -, cambia la maglia ma le sensazioni sono le stesse. Dietro c’è il lavoro di un anno, siamo all’ultimo passo e dovremo essere pronti: questa partita significa tanto, era un obiettivo e siamo stati bravi ad arrivare qui, fin da quando abbiamo superato un girone durissimo con Bayern e Barcellona: siamo in finale per merito, grazie al grande lavoro di mister e staff, è una sfida importantissima per il popolo nerazzurro”. L’Inter può volare, lui completare una stagione eccellente: “Sono molto felice del mio percorso, speriamo di chiudere in bellezza. Il City obbligato a vincere? Non so se per loro obbligo e per noi sogno, so che speriamo di portare il trofeo a Milano e daremo il massimo per questo”.

“Per me è speciale giocare a Istanbul, voglio dare il massimo e godermi il momento – conclude Hakan Calhanoglu . La gente della Turchia sta con me, in campo ci sarà anche Gundogan ma lui gioca con la Germania. Scelta che rispetto. Vincere non sarà facile, ma siamo pronti a soffrire: vogliamo scrivere la storia dopo 13 anni, spero di far bene e segnare”.

I commenti dei lettori