In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
pallanuoto serie a1 maschile

Pallanuoto, lo strappo di Trieste non lascia scampo al Posillipo

Ultimo quarto decisivo per il successo della squadra di Bettini alla Scandone di Napoli. Top scorer Inaba con 4 reti

Franz Bevilacqua
Aggiornato alle 1 minuto di lettura
Yusuke Inaba 

TRIESTE Vedi Napoli e poi vinci. A Posillipo arriva un altro successo per gli irriducibili della Pallanuoto Trieste che con il 9-13 della “Scandone” salgono a quota quindici punti in Serie A1, beati della quarta vittoria consecutiva.

C’è poco da fare per i padroni di casa, bravi comunque a tenere viva la partita per almeno tre tempi prima di inchinarsi allo strappo alabardato, arrivato proprio nel momento di tirare le somme. Trascinatore della partita è stato ancora una volta l’attaccante giapponese Yusuke Inaba che ha chiuso la settima giornata con un pokerissimo, di fatto piegando una partita complicata a favore della formazione ospite. Grazie ai tre punti, la Samer & Co Shipping non perde i contatti con il vertice e rimane sulla scia delle prime quattro, tutte vittoriose nei rispettivi impegni. A rompere il ghiaccio ci ha pensato il padrone di casa Briganti, prima dell’inondazione alabardata che con Podgornik, Bego e Bini ha portato la formazione di Bettini sull’1-3. Lanfranco accorcia, Inaba disinnesca e Abramson chiude la prima frazione sul 3-4. Nel secondo periodo Posillipo ribalta il risultato lasciando sul posto Trieste con quattro schiaffi scaturiti dal timbro di Mattiello e Abramson e soprattutto dalla doppietta di un ispiratissimo Briganti. Sul 7-4 Mezzarobba prova a ricucire mentre Inaba allo scadere ripristina la situazione di parità che accompagna le squadre al cambio campo. È sempre il giapponese ad inaugurare il terzo periodo, seguito a ruota da Mladossich in superiorità numerica prima del penalty di Briganti. Gli ultimi otto minuti Trieste riesce a scrollarsi di dosso il fiato dei biancoverdi ancora una volta con Mezzarobba, quindi l’11-8 di Podgornik. Briganti riapre l’incontro su rigore, ma l’entusiasmo è presto spento da Inaba e dal terzo sigillo di Podgornik. «Partita complicata - spiega l’allenatore Daniele Bettini - eravamo un po’ contratti soprattutto all’inizio, è fisiologico in questa fase della stagione. Pian piano abbiamo chiuso con più attenzione in difesa e anche in fase offensiva le cose sono andate meglio».

«Sapevamo che non sarebbe stato semplice - conclude il d.s. Andrea Brazzatti - campo difficile, loro ci hanno messo il massimo impegno, siamo stati bravi a prenderci questi tre punti». La classifica. Pro Recco 21; Ortigia Siracusa, Bper Savona e An Brescia 18; Pallanuoto Trieste, Telimar Palermo 15; Iren Genova Quinto 9; Anzio Waterpolis 8; Netafim Bogliasco 6; De Akker Bologna e Rn Salerno 4; Posillipo, Distretti Ecologici Roma, Catania 3.

I commenti dei lettori