In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
calcio serie c

Triestina, un avvio senza una vittoria non accadeva da più di mezzo secolo

A parte la disastrosa parentesi in serie D nell’anno della presidenza Pontrelli, tra i professionisti solo nella stagione 1976-77 l’Unione riuscì a fare bottino pieno appena alla sesta giornata

Antonello Rodio
2 minuti di lettura
Mirko Gori dopo l'espulsione 

TRIESTE. Appena quattro punti dopo 5 partite e nessuna vittoria: l’inizio choc della Triestina di questa stagione è purtroppo di quelli da matita rossa nella storia dell’Unione.

Tutti erano consci delle difficoltà che avrebbe incontrato una rosa totalmente rimessa a nuovo, ma nessuno si aspettava di non provare il sapore del successo dopo cinque partite.

L’attuale avvio alabardato è infatti da record negativo. Per ritrovare una partenza peggiore e soprattutto senza vittorie dopo cinque giornate, bisogna andare innanzitutto alla stagione 2014/15, in serie D, quella conclusa con lo spareggio di Dro: all’epoca furono appena due i punti dopo cinque giornate e ovviamente senza successi. Ma prendendo in considerazione solamente i campionati professionistici, bisogna risalire addirittura al 1976/77, ovvero 55 anni fa, per trovare un inizio peggiore: in quella stagione, la Triestina appena promossa in serie C riuscì a ottenere la prima vittoria solo alla sesta giornata, mentre dopo cinque turni aveva solamente 3 punti, frutto di tre pareggi. Solamente in queste due occasioni dunque l’Unione non ha trovato la vittoria dopo cinque giornate negli ultimi 55 anni, questo a sottolineare la quasi singolarità della situazione. Spulciando l’archivio, a onor del vero, per quanto riguarda i punti ottenuti, oltre alle due già citate c’è solamente un’altra occasione negli ultimi 55 anni in cui si iniziò con meno punti, quella 1989/90 in serie B, ma era arrivata comunque una vittoria e si era a soli 3 punti dopo cinque giornate solamente perché non era entrata ancora in vigore la regola dei tre punti. Venendo agli anni recenti, comunque, va detto che dal ritorno in serie C non è che la Triestina abbia mai avuto partenze folgoranti, a parte quella che con Pavanel portò poi alla finale play-off con il Pisa: nella stagione del centenario l’Unione dopo cinque partite aveva ben 10 punti. Però proprio allo stesso Pavanel capitò la stagione seguente di iniziare malissimo, con appena 4 punti dopo cinque gare, proprio come la stagione attuale. E quell’avvio infatti gli costò la panchina. Però, all’epoca, almeno una vittoria era già arrivata. Ci sono stati avvii molto stentati in altre due stagioni dell’ultimo quinquennio: dopo cinque gare la Triestina raccolse solo 5 punti nell’anno del suo ritorno in C con Sannino, e lo stesso bottino ottenne anche la scorsa stagione con Bucchi. Molto meglio invece Gautieri, che nel 2020/21 partì con 9 punti.

Insomma una situazione da raddrizzare al più presto con una vittoria, a questo punto necessaria già domenica 2 ottobre, nel match casalingo contro la Virtus Vecomp, il cui orario di inizio fra l’altro è stato anticipato alle 14.30. Le partite contro la squadra di Gigi Fresco non sono mai state semplici, anzi, ma stavolta l’Unione deve assolutamente trovare la chiave per portarsi a casa i tre punti.

I commenti dei lettori