In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
dilettanti – promozione

Calcio Fvg, il Sant’Andrea San Vito fa il colpaccio a Romans con una prova autorevole

Il team di Samsa passa in svantaggio su gol di Merlo poi ribalta il match con Hovhanessian, Guanin e Istrice

Matteo Femia
1 minuto di lettura
Un'azione del match Pro Romans Medea-S.Andrea S.Vito (Foto Bumbaca) 

ROMANS D’ISONZO. Un grande Sant’Andrea San Vito espugna Romans d’Isonzo. Prestazione da leccarsi i baffi degli uomini di mister Max Samsa, che ribaltano ogni pronostico e impongono la propria legge in trasferta. Forse i padroni di casa, reduci dall’ottimo successo in Coppa contro la Cormonese (che non era comunque valso il passaggio del turno), sono scesi in campo troppo sicuri di sé venendo sorpresi dall’organizzazione e dalla grinta dei triestini. E ad illudere i ragazzi di mister Alessandro Radolli è stato anche il gol segnato poco dopo la mezzora di gioco, con cui i romanesi si sono portati in vantaggio: splendida iniziativa sulla sinistra di Lombardo e cross in mezzo all’area al bacio per il colpo di testa vincente di Merlo.

Ma è un fuoco di paglia che non dura nemmeno un minuto: palla al centro ed è già 1-1, infatti, nell’azione immediatamente successiva, con pallone scodellato nell’area piccola dove Hovhanesian si fa trovare pronto all’appuntamento col guizzo del pareggio.

La rete galvanizza gli ospiti e spegne gli ardori giallorossi: e prima dell’intervallo arriva il meritato 2-1 del Sant’Andrea San Vito (dopo che al 34’ Zanier da due metri aveva già fallito il possibile sorpasso cogliendo un clamoroso palo) che in azione di contropiede susseguente ad un pallone sanguinoso perso a metà campo dalla Pro, trova la zampata vincente dell’ottimo Guanin.

Nella ripresa il Sant’Andrea San Vito continua ad avere voglia di stupire e al 3’ va vicino al terzo gol con una conclusione di Signore dal limite su cui Dovier risponde presente. L’unico sussulto della Pro è una botta dal limite di Rocco al 5’: palla fuori di pochissimo. Ma gli ospiti hanno un altro passo e all’8’ trovano il definitivo 3-1 in contropiede, con Guanin che lancia Istrice a tu per tu con Dovier, che gli respinge il primo tiro, ma non può nulla sul successivo tap-in a porta vuota. La Pro Romans nel finale prova uno sterile arrembaggio che trova sempre pronto il portiere Baldassi.

I commenti dei lettori