In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
PROVA
basket serie a

Pallacanestro Trieste, è già corsa contro il tempo per la prossima stagione

Roberto Degrassi
1 minuto di lettura

L'Allianz Trieste incontra i tifosi al Giulia, 4 maggio 2022. Foto Bruni

 

TRIESTE E adesso per la costruzione della prossima stagione della Pallacanestro Trieste parte davvero una corsa contro il tempo.

Se la procedura per l’iscrizione alla serie A 2022-23 con relativa fidejussione è già partita, per quanto riguarda tutto il resto domani è già tardi. Questa settimana infatti rischia di scivolare via senza concreti sviluppi: con una nota la società biancorossa ha infatti indetto la convocazione dell’assemblea dei soci per il prossimo 10 giugno.

Un’assemblea che vede all’ordine del giorno il budget per il prossimo campionato e l’ingresso nella compagine societaria del Gruppo Edilimpianti Trieste. Un ritardo che formalmente si giustifica con i tempi tecnici imposti per la convocazione di tutti i soci ma oltre alla forma bisogna fare i conti soprattutto con la sostanza.

E quella racconta che dopo l’assemblea dei soci dovrà esserci un passaggio ulteriore per il passaggio delle quote e la definizione del nuovo Consiglio di amministrazione nello studio del notaio Giarletta. Si arriverà dunque a metà giugno. Solo a quel punto chi dovrà occuparsi della costruzione della nuova stagione conoscerà l’importo del budget sul quale contare. Fino a quel momento le bocce rimarranno ferme. Almeno in superficie. La speranza infatti è che, aldilà dei passaggi formali, il cantiere - per restare in tema...- sia già stato avviato. Di offerte da parte di procuratori, nel frattempo, ne arrivano eccome alla Pallacanestro Trieste ma non ci sono ancora le condizioni per dare risposte.

Intanto, attorno, le altre società si stanno muovendo. Reggio Emilia ha già presentato coach Menetti, non c’è giorno in cui non circolino rumors su Venezia, Trento è divisa tra Flaccadori e la tentazione Cinciarini. E in A2 la Reale Mutua Torino ha inserito il nome di Franco Ciani tra i papabili per la panchina insieme a Sandro Dell’Agnello.

Ricordiamo che la Pallacanestro Trieste era uscita dal contratto 1+1 con il coach friulano per permettere alla proprietà entrante di scegliere la guida tecnica di proprio gradimento.

Teoricamente la nuova governance potrebbe anche convenire che proseguire con Ciani comporterebbe meno rischi rispetto ad altre strade. Ma intanto Ciani potrebbe aver già preso altre direzioni, come qualche altro dei tecnici proposti o autopropostisi in queste settimane. E l’impasse per la guida tecnica si estende naturalmente al roster.

Fino a quando aspetteranno i giocatori che non hanno in pugno un contratto di riconferma ma sarebbero risposti a rimanere. Davis e Banks, tanto per non far nomi? Per saperlo bisogna prima conoscere il budget a disposizione per l’allestimento di una stagione che si preannuncia ancora più complicata di quella appena conclusa.

I commenti dei lettori