Triestina, tanti giocatori in uscita, ben 16 invece sono sotto contratto

In attesa di capire quale sarà la strategia dopo la scomparsa del presidente Biasin si fanno i conti anche con i rientri di Brey, Paulinho, Di Massimo, Coppola e Riccardi

TRIESTE Anche in una fase di comprensibile sospensione, dovuta alle incertezze sul futuro della Triestina dopo la morte del patron Mario Biasin, e in attesa dell’esito dei contatti che Mauro Milanese sta avendo in Australia con la famiglia del compianto presidente, c’è un dato oggettivo sul quale in ogni caso bisogna cominciare a ragionare in casa alabardata, ed è quello della situazione contrattuale dei giocatori. Come noto, per molti di loro il rapporto con la società alabardata è già finito, o meglio scadrà fra poco più di un mese, il prossimo 30 giugno. Ma ce ne sono ancora parecchi invece con un contratto in essere: e sono ben 10, anzi addirittura 16 contando i giocatori di rientro dai vari prestiti.

Partiamo dai giocatori con il contratto in scadenza a giugno 2023: qui troviamo Crimi, Capela, De Luca, Giorico, Martinez, Negro e Sakor, ai quali si aggiunge anche il brasiliano Patrick Brey, che come si ricorderà a gennaio dopo alcune partite molto positive aveva chiesto di rientrare in patria ed è stato mandato in prestito nel suo paese. Non sfugge il fatto che due di loro, Sakor e Capela, hanno avuto degli infortuni piuttosto gravi, per cui è difficile che siano già pronti per l’inizio della prossima stagione. Poi troviamo altri giocatori che hanno ancora due anni di contratto, ovvero con il rapporto in scadenza a giugno 2024: si tratta di Gomez, Procaccio e del giovane Baldi.

Ma a questi si aggiungono, sempre con scadenza 2024, anche tre rientri da prestiti: sono Davide Riccardi, che ha fatto bene a Taranto collezionando 30 presenze e alternandosi fra difensore centrale e terzino destro; Di Massimo, che con l’Unione ha sempre avuto un rapporto problematico ma che da febbraio in poi ha fatto 14 presenze, 2 gol e 2 assist con la Pistoiese; e infine Paulinho, che da febbraio ha raccolto 16 presenze a Legnago ma giocando solo due partite intere. Troviamo poi altri due giocatori con contratto in scadenza addirittura a giugno 2025 e che rientrano anch’essi dai rispettivi prestiti: il primo è il difensore centrale Alessandro Coppola, che dopo l’infortunio che l’ha tenuto fermo diversi mesi, a gennaio è stato mandato in Bulgaria, al Tsarsko Selo Sofia, dove ha totalizzato 8 presenze; il secondo è Alessandro Giannò, che dopo le 2 presenze con l’Unione a inizio stagione, ne ha fatta una sola nel prestito alla Fermana.

In totale sono 16 giocatori sotto contratto, ai quali si aggiunge il baby Simone Butti come giovane di serie. Per tutti gli altri, dunque, contratto finito. E quindi stiamo parlando di Offredi, Calvano, Rapisarda, Ligi, Volta, Lopez, Trotta, Petrella e Litteri, oltre a quelli che erano a Trieste in prestito come St Clair, Giorno, Iotti, Ala-Myllymaki e Galazzi. Certo, adesso in tempi normali si starebbe parlando di possibili offerte di rinnovo per qualcuno che ha fatto bene: un’ipotesi che potrebbe riguardare sicuramente Rapisarda e Calvano, forse anche Offredi e Ligi, ma difficilmente uno tra gli altri che chi per rendimento inferiore alle attese, chi per età, chi per troppi e ripetuti problemi fisici, dovrebbe essere ormai fuori dall’orbita della Triestina. Ma anche per questi discorsi, ovviamente, è ancora troppo presto e bisognerà vedere quali saranno i responsi che porterà Milanese dall’Australia.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Crollo Marmolada, il punto del distacco ripreso dall'elicottero

Insalata di quinoa con ceci, fagiolini, cetrioli, more e noci con salsa al cocco e curry

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi