Pallanuoto Trieste tra le grandi della A ma senza atleti in azzurro

Marco Todaro

Alla vigilia della gara-2 di semifinale scudetto lo sfogo del club alabardato. Il ds Brazzatti: «Mezzarobba, Mladossich e Podgornik trascurati dal ct Campagna»

TRIESTE. «Tutti gli atleti convocati sono bravissimi e meritano di essere lì, però perché non convocare in azzurro nemmeno un giocatore della terza forza del campionato che il 14 maggio si giocherà l’accesso alla finale scudetto?»

Diplomatico, ma diretto, il direttore sportivo della Pallanuoto Trieste, Andrea Brazzatti, alza la tensione alla vigilia della semifinale play-off con l’An Brescia.

Lo spunto arriva dall’ennesima mancata convocazione di un giocatore triestino con il Settebello del ct Alessandro Campagna. Nel febbraio scorso ci fu il grande smacco casalingo, con la scelta di non inserire nei 13 scesi nella vasca della Bianchi né Michele Mezzarobba né Andrea Mladossich precedentemente convocati per il collegiale. Ora ne loro né altri giocatori di Trieste (per il campionato svolto sin qui anche Danjel Podgornik meriterebbe l’azzurro) sono rientrati nei piani di Campagna per le prossime tappe di World League.

«I raduni con l’ Italia aiutano a crescere, ma è giocare che fa maturare realmente. La delusione degli atleti è grande, tanto quanto della Pallanuoto Trieste che da anni investe sul proprio settore giovanile. Siamo reduci da una regular season in cui Mezzarobba, Mladossich e Podgornik hanno giocato benissimo contribuendo ai grandi risultati raccolti dalla squadra. Quest’anno sono in programma Mondiali, Europei, Universiadi e Giochi del Mediterraneo: speriamo che i nostri giocatori vengano presi in considerazione almeno per una di queste kermesse».

Parole importanti quelle del ds alabardato che giungono a poche ore da un match di vitale importanza per la Pallanuoto Trieste. Sabato 14 maggio alla Bruno Bianchi (fischio d’inizio alle 16.30) battendo l’An Brescia il club presieduto da Enrico Samer volerebbe in finale scudetto e sarebbe già qualificato per la prossima Champions League.

«La squadra sta bene, l’infermeria è vuota, c’è tanto entusiasmo dopo la vittoria in Lombardia. Pronostici? Dico solo che dobbiamo assolutamente rimanere appaiati nel primo tempo. Poi giocarcela e nel finale avere quel guizzo in più già dimostrato in gara-1. Di sicuro il ruolo del pubblico sarà determinante».

In una Bianchi capace di ospitare 900 spettatori, a ieri le prenotazioni erano arrivate a quota 600. Tra il pubblico siederanno anche due totem dello sport mondiale: Ratko Rudic e Bogdan Tanjevic.

«Ci sono ancora 300 posti liberi, spero davvero che i triestini sabato siano con noi a supportarci. Sicuramente la presenza di personaggi del calibro di Rudic e Tanjevic non può che farci piacere. Speriamo possano portarci fortuna e trascinarci verso la finalissima scudetto».

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Superenalotto, la "porta d'oro" di Sisal. Ecco dove sarà pagato il jackpot da record

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi