In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
CALCIO PRIMA CATEGORIA

La Cormonese aspetta l’Isonzo L’Ism all’esame del Fiumicello

Alessandra Antoni;
1 minuto di lettura

GORIZIA

Reduce dal turno infrasettimanale dell’Immacolata, domani alle 14.30 ritorna in campo tutto il girone C di Prima categoria per la quattordicesima giornata di andata.

La capolista Cormonese ospiterà l’Isonzo San Pier: l’ago della bilancia pende dalla parte dei grigiorossi, dominatori indiscussi del girone con 9 vittorie e 3 pareggi, detentori della miglior difesa con soli 5 gol subiti e ulteriormente rinforzatisi con tre nuovi giocatori. L’Isonzo, però, è da non sottovalutare perché è solito esaltarsi proprio con gli avversari più forti e non è da escludere che riesca a mettere in difficoltà i locali.

Particolarmente interessante Fiumicello-Ism, con i friulani che hanno perso il passo della Cormonese dopo il pari di mercoledì e sono intenzionati a non concedere regali. I gradiscani, che hanno qualche defezione in rosa, hanno mal digerito la sconfitta con la Triestina Victory e sono consapevoli che, per spuntarla, dovranno entrare in campo lucidi e concentrati. Prova del nove per il Mariano che, dopo il pari con la Gradese, si appresta ad ospitare la Roianese, diretto rivale nella corsa per il podio nonché la squadra che, con il Fiumicello, ha segnato di più finora. Ed è proprio questa caratteristica a impensierire di più il tecnico Trentin: «Si dice che la Roianese sia una macchina da gol e i dati lo confermano. È una squadra che conosciamo dalla Seconda categoria ma si è rinforzata da allora e gode di giocatori di rilievo soprattutto in attacco. Dovremo stare attentissimi in difesa».

Seppur con un divario di ben 12 punti, non è scontato chi la spunterà tra Gradese e Azzurra. I lagunari stanno iniziando ad esprimersi meglio rispetto alle prime partite, mentre i goriziani hanno avuto un attimo di sbandamento ma sono tornati in corsa e vedono di nuovo i play-off a pochi passi. Mladost alle prese con il sintetico del Domio. Una sfida nella sfida per la compagine di Doberdò, decisa a superare la “linea di galleggiamento”, così definita da mister Veneziano: «Dobbiamo dare il massimo per non perdere e continuare a raccogliere punti che ci facciano restare sopra la zona di rischio. Sul campo del Domio non sarà una passeggiata ma dobbiamo dimostrare tutta la nostra volontà». Cavalcando l’onda dell’entusiasmo per la vittoria ritrovata, l’Audax ospiterà la Triestina Victory. Il San Canzian Begliano giocherà tra le mura dello Zarja. —

I commenti dei lettori