Contenuto riservato agli abbonati

Sara Gama: «Speciale giocare a casa mia: sicura che i triestini ci daranno una mano»

Marco Canoniero

La capitana azzurra non nasconde l’emozione: «Tornare al Rocco con la Nazionale è un sogno, sarà una gara dura»

TRIESTE «Mi auguro che il Rocco, rimesso a nuovo, possa ospitare più e più match di calcio femminile in futuro».

Parole pronunciate non troppo lontane nel tempo, eppure in quel tempo, per tutti la sensazione è di aver vissuto una vita nella vita. A pronunciarle fu Sara Gama, triestina, capitana della nazionale italiana, al termine di Tavagnacco-Juventus del gennaio 2020, partita di serie A giocata a Trieste davanti a quasi 2000 spettatori e vinta dalle sue bianconere poi scudettate 5-1.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Tutto calcolato, tra il superyacht e il ponte ci sono solo 12 centimetri

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi