Contenuto riservato agli abbonati

Ciclismo a Trieste, la Adriatica Ionica parte martedì da piazza Unità

La partenza della gara da Trieste (Silvano)

Partenza alle 11.30 per la prima tappa della corsa con traguardo ad Aviano

TRIESTE L’attesa è terminata. Martedì mattina prenderà il via alle 11.30 da Piazza Unità, con ritrovo dei corridori fissato alle 10.30, la prima frazione della terza edizione dell’Adriatica Ionica Race, la breve corsa a tappe ideata dall’ex campione del mondo Moreno Argentin e che quest’anno si svilupperà su tre giorni e non sui consueti cinque.

La partenza della Adriatica Ionica Race da Trieste

Questa giornata d’esordio strizzerà l’occhio alle ruote veloci e vedrà i 112 corridori alla partenza affrontare un tracciato di 185,3 km con arrivo ad Aviano. La carovana, dopo essere risalita attraverso la Strada Costiera fino a Duino, si avvierà verso l’ascesa di San Martino del Carso, la salita più impegnativa di giornata con una pendenza media del 4,9 % e punte al 7%. Successivamente il gruppo toccherà Cormons, Cividale del Friuli, Udine, Moruzzo dove si terrà il primo traguardo volante, per poi entrare ad Aviano, tagliare il traguardo una prima volta prima degli ultimi 13 km. Una giornata che potrebbe sorridere a Elia Viviani, portabandiera dell’Italia alle prossime Olimpiadi e presente in questa occasione tra le fila della nazionale italiana, che oltre ad interessanti giovani schiererà anche Davide Cimolai

. Ma oltre ai due nomi sopracitati a questa Adriatica Ionica Race non mancheranno altri profili da seguire con attenzione, nonostante l’avvicinarsi del Tour de France e la quasi concomitanza con altre corse diventate sempre più importanti nelle ultime stagioni come il Giro di Slovenia o il Giro del Belgio. «Ancora una volta credo che il livello dei corridori presenti sia medio alto. A questo proposito, per il futuro, chiedo alle istituzioni regionali di impegnarsi ancora di più per programmare il nostro evento con maggior anticipo in modo da poter trattare già nei mesi invernali con i vari team. Tuttavia potremo ammirare una formazione ProTour come l’Astana capitanata da Fabio Felline e Matteo Sobrero, terzo al recente Giro di Slovenia dietro a Pogacar e Ulissi, una selezione nazionale colombiana che vorrà dire la sua soprattutto domani sulle pendici del Monte Grappa dove proverà ad esaltarsi anche Lorenzo Fortunato, vincitore sullo Zoncolan al Giro», spiega Argentin.

Martedì, dopo la giornata in Friuli Venezia Giulia, la carovana si sposterà in Veneto per una tappa di 148,2 km mentre la chiusura si svolgerà in Emila Romagna giovedì con la Ferrara-Comacchio di 157,5km.

Video del giorno

A Trieste la proposta di matrimonio di Salvatore alla sua Carla nel linguaggio dei segni

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi