Contenuto riservato agli abbonati

Le big della serie C cambiano l’allenatore, la Triestina rimane ancora in stand-by

Pillon è sotto contratto ma si aspetta il via libera del club. Feralpisalò, Südtirol e Modena avranno una nuova guida

TRIESTE. Si volta pagina, anche dopo una stagione positiva, nella quale però non si è raggiunto il massimo traguardo. Questa la considerazione che viene spontanea osservando il valzer di panchine che sta andando in scena tra le principali protagoniste del girone al quale ha preso parte la Triestina. A parte ovviamente il promosso Perugia e il Padova che si sta ancora giocando la promozione in serie B con Mandorlini alla guida, tutte le altre big dal terzo al quinto posto stanno cambiando allenatore e prendendo nuove strade sotto l’aspetto tecnico. La Triestina, almeno al momento, è l’unica del plotoncino che non ha cambiato panchina, perché attualmente c’è Bepi Pillon in sella con un anno di contratto ancora in essere. Anche se questo non dà la certezza che il mister veneto allenerà l’Unione nel prossimo campionato, visto che la società alabardata deve ancora svelare i piani per la stagione che verrà. Cambia timone il Sudtirol, con Stefano Vecchi che dopo due ottime stagioni con un quarto e un terzo posto, ma senza mai fare poi troppa strada nei play-off, alla scadenza del contratto lascia la società altoatesina. Quasi certamente il Sudtirol arruolerà alla guida tecnica Ivan Javorcic, che dopo cinque stagioni con la Pro Patria non ha rinnovato il contratto. Qualche settimana fa il nome del tecnico croato era stato accostato anche alla Triestina. Altro fresco divorzio quello tra la Feralpisalò e Massimo Pavanel. Anzi, l’ex tecnico alabardato aveva ancora un anno di contratto con i gardesani, ma qui è arrivata una rescissione contrattuale, il che significa che Pavanel ha quasi sicuramente pronta un’altra squadra: si è parlato molto del Bari, ma non mancano addirittura le offerte dalla serie B, pare infatti che per lui si sia fatta avanti la Spal. Per sostituirlo, la Feralpisalò potrebbe puntare proprio su Stefano Vecchi, al quale però non mancano le alternative: anche qui è spuntato il Bari, oltre al Chievo dalla serie B. Cambio anche per il Modena, che non sarà più probabilmente un’avversaria della Triestina, ma le cui vicende in questo caso incrociano i destini alabardati. I canarini interromperanno infatti il rapporto con Michele Mignani, ex giocatore alabardato, e presto dovrebbero ufficializzare l’arrivo di Attilio Tesser (che deve rescindere con il Pordenone), altro volto ben noto alla Triestina per essere stato per due stagioni sulla panchina dell’Unione in serie B. E se il Cesena ha confermato Viali, altre squadre hanno cambiato: alla Vis Pesaro via Di Donato è arrivato Banchini, mentre il Carpi si è separato da Pochesci. Squadre che comunque, con la nuova composizione dei gironi, la Triestina non incontrerà più.

Video del giorno

Napoli, il boss in Ferrari alla comunione del figlio

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi