Contenuto riservato agli abbonati

Calcio, la Triestina resta in partita grazie al suo portiere Offredi

Almeno un paio di parate nel secondo tempo hanno ritardato di un po' il gol marchigiano, ma soprattutto hanno tenuto in linea di galleggiamento la squadra fino alla fine

TRIESTE Se la Triestina è rimasta in partita fino al quarto minuto di recupero a San Benedetto, lo deve al suo portiere Daniel Offredi. Almeno un paio di parate nel secondo tempo hanno ritardato di un po' il gol marchigiano, ma soprattutto hanno tenuto in linea di galleggiamento la Triestina, sotto con il minimo scarto, fino alla fine.

E di fronte alla Triestina stanca e poco produttiva della ripresa, forse, l’unico irrazionale motivo per auspicare il gol del pari era appellarsi alle leggi non scritte del calcio, gol sbagliato-gol segnato dall’altra parte, una delle più antiche, in particolare. Sottile illusione accarezzata solo sul bel sinistro al volo di Calvano in pieno recupero. Per il numero 1 della Triestina, le cause del k.o. sono da ricercare nella forma. “Nel secondo tempo ci siamo abbassati, secondo me è venuta fuori anche un po’ di stanchezza, arrivavamo tardi sulla loro pressione e ci prendevano in mezzo nel gioco”.

Un primo tempo da inoperoso a parte una conclusione di Babic, non che l’Unione abbia concluso a rete molto di più. Il rimpianto di Daniel per un primo tempo in cui si poteva affondare. “Nel primo tempo la partita l’avevamo in mano noi, nonostante un contropiede che hanno avuto a disposizione, ma niente di più. La partita la gestivamo noi, avevamo sempre la palla e riuscivamo a giocare”. Vi ha sorpreso l’atteggiamento della Samb nel secondo tempo, fin dal primo giro di lancette? “Sapevamo che sarebbe stato così e da questo punto di vista il mister ci aveva avvisato che sarebbe successo”.

La Triestina resta al quinto posto, a leccarsi le ferite. “Siamo ancora in corsa, ovvio che ci sia amarezza e delusione perchè questa era una partita importante, per accorciare anche sul Modena davanti a noi, ma è andata così”. Sguardo al “Curi”, contro una squadra galvanizzata per un discorso primo posto riaperto proprio grazie alla Triestina. “Ci aspetta il Perugia domenica, aspettiamo le ultime partite in cui dobbiamo fare meglio possibile in vista dei play-off. Non solo per i risultati ma anche sul piano del gioco, darebbe più forza e consapevolezza a noi per affrontare le partite”. 

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi