Contenuto riservato agli abbonati

Allianz Trieste: Doyle è  l'uomo di fiducia, in doppia cifra Alviti, Henry e Fernandez

Milton Doyle in azione

Le statitische della stagione mettono in luce anche le doti da 2 di Devonte Upson

TRIESTE. Due mesi o poco più per conoscere il suo futuro. Archiviate le final eight di Coppa Italia, l'Allianz si rituffa nel campionato con l'obiettivo di dare un senso al suo finale di stagione.

Si comincia sabato 27 febbraio al palaPentassuglia di Brindisi: dieci partite, dieci finali per andare a caccia dei play-off. Serviranno grande determinazione e la capacità di sfruttare al meglio il potenziale di una squadra che in questi mesi ha dimostrato di avere le carte in regola per competere ai massimi livelli. Sublimare il concetto di squadra sfruttando il talento dei singoli, un potenziale che le statistiche di questa stagione hanno evidenziato.

MINUTI GIOCATI: Milton Doyle è l'uomo di fiducia dell'Allianz. E' di 28.7 la media dei minuti spesi in campo dalla guardia di Chicago. Nei tre anni di serie A è il giocatore maggiormente utilizzato da coach Dalmasson che nel primo anno aveva avuto in Jamarr Sanders (26.9) e Chris Wright (25.7) i suoi punti di riferimento sul parquet e lo scorso anno, dopo essere stato a un passo dalla rottura, in Dequan Jones (27.7). Dietro a Doyle i più utilizzati sono Alviti e Grazulis, entrambi fermi a 24.1 minuti per gara.

PUNTI SEGNATI: Sono quattro i giocatori in doppia cifra. Guida ancora Milton Doyle, 13.2 per gara, davanti a Alviti (11.3), Henry (10.3) e Fernandez (10.2). In campionato il leader assoluto è Scola con 20.4 punti a partita seguito da Logan (20.1) e Harrison (19).

TIRI DA DUE: Devonte Upson leader per Trieste e secondo miglior tiratore del campionato assieme a Hunter e dietro solo a Gamble. Il centro triestino tira con il 66.1% dal campo, precede Da Ros (59.5%), Delia (55%) e Grazulis (54.5%).

TIRI DA TRE PUNTI: Quinto nella classifica generale con il 49.3%, Davide Alviti ha fatto a Trieste quel salto di qualità che gli ha regalato la gioia dell'esordio in nazionale. E' uno dei tiratori più credibili del campionato, secondo italiano dietro a mostri sacri come Datome (58.2%), Daye (56.4%), Rodriguez (51,4%) e Bendzius (50,9%). Nell'Allianz, Alviti precede Cavaliero (41,4%), Grazulis (38.4%) e Doyle (37.9%).

TIRI LIBERI: Il tallone d'Achille dell'Allianz, ultima della serie A con il 66,5%. Sopra la media Henry (quinto assoluto con l'88,5%) e Fernandez ( ottavo con l'85,7%).

RIMBALZI: Dietro Grazulis (6,5 di media) e Delia (5,1) spiccano i 5 rimbalzi a partita catturati da Alviti che anche in questa speciale classifica si conferma punto di riferimento dell'Allianz di questa stagione.

ASSIST: iI Lobito Fernandez faro della squadra e settimo nella classifica generale del campionato con 5.4 assist per gara. Bene anche Doyle che si ferma a 3.3 e Cavaliero a 2.

VALUTAZIONE: Comanda Grazulis, 12.9 dietro al lettone ci sono Delia (14.2) e Alviti (12.6 per gara).

PLUS/MINUS: La voce forse più significativa, quella che fotografa il rendimento di una squadra con un giocatore in campo. Il numero uno a Trieste resta Cavaliero, primo con la maglia dell'Allianz, diciottesimo assoluto e terzo italiano del campionato dietro solamente a Marco Spissu e Alessandro Pajola. Dietro a Daniele, Devonte Upson e Matteo Da Ros.
 

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi