Contenuto riservato agli abbonati

Allianz Trieste provaci, attacco alla corazzata Milano

Al Forum di Assago alle 17 i biancorossi si confrontano con l’Armani Exchange che ha vinto 15 delle ultime 16 gare

TRIESTE Provarci. Anche se di fronte c’è la squadra più forte d’Italia e tra le migliori d’Europa. Anche se l’Armani Exchange ha vinto 15 delle ultime 16 partite disputate. Anche se il turnover a disposizione di Ettore Messina è illimitato. Anche se i lombardi possono risolvere una partita in tutti i modi e con tutti i ritmi. Eppure, provarci si deve. Cremona e Treviso nelle ultime settimane lo hanno dimostrato: si può far soffrire Milano, anche se non hai lo stesso talento e il distacco in classifica è robusto. E l’Allianz finora si è dimostrata più solida di Cremona e Treviso... Allianz all’esame della corazzata di Ettore Messina alle 17 al Mediolanum Forum di Assago. Eugenio Dalmasson ha tutti a disposizione per un confronto che comunque propone più motivi di stimolo che di stress. Fermare la capolista sarebbe l’impresa del mese e metterebbe i biancorossi sotto i riflettori. In casi come questi, non contano solo i contenuti tecnici ma quanto una squadra ha il gusto di vivere la sfida e inseguire una prodezza. Servono coraggio e spregiudicatezza. L’analisi dell’incontro in casa Allianz stavolta è affidata all’assistent Marco Legovich, che mette subito in chiaro lo spirito con cui viene affrontata l’avventura: «Sulla carta è un impegno proibitivo ma non deve assolutamente passare il messaggio che non abbiamo niente da perdere perchè questa rappresenta per noi una grande occasione per mettere a posto alcune debolezze che sono affiorate nel corso degli ultimi incontri».

Annotazione interessante, questa di Legovich. In settimana sono stati esaminati gli errori commessi nei primi 32 minuti della partita poi vinta con larghissimo margine su Varese. Di questi tempi, ad esempio, una costante negativa dell’Allianz è la partenza soft, concedendo subito un break agli avversari. E uno squadrone come Milano non ha certo bisogno di ulteriori agevolazioni. Il vice di Dalmasson pone l’accento sull’aspetto difensivo. «Sarà prioritario. Dovremo entrare in campo con il giusto approccio, senza stare a pensare sulla possibile stanchezza di Milano dopo i dispendiosi impegni in Eurolega. Fare affidamento solo su un’eventuale flessione dei lombardi sarebbe un suicidio per noi», conclude Legovich. E del resto il livello di Milano è tale che anche la rotazione degli stranieri è imprevedibile: mai come in questo caso azzardare la probabile formazione degli avversari è un esercizio che espone a errori. All’andata Milano venne a vincere a Valmaura 65-87 mettendo subito in chiaro il divario di forze nel primo quarto (ahi, rieccolo...) 12-26, subendo la reazione triestina nel successivo e poi imponendo un devastante 9-24 nel terzo parziale. L’Allianz aveva Mussini in più ma era priva di Henry e Udanoh. Il lungo non c’è più da qualche settimana. Henry c’è ma non graffia. Magari lo stimolo del confronto impossibile potrebbe sbloccare l’ala in involuzione. Oggi servono coraggio e spregiudicatezza. Ha dimostrato di possedere entrambi, sia nella Supercoppa che nel fragoroso debutto in campionato. E oggi servirebbero tanto.

Video del giorno

Trieste, attracca sulle Rive il cacciatorpediniere Luigi Durand de la Penne

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi