Trieste prima nell’impiego degli Under 26 italiani

TRIESTE

L'esplosione di Davide Alviti e il buon utilizzo di Tommaso Laquintana lanciano l'Allianz al comando della speciale classifica relativa all'utilizzo degli under 26. In questo girone d'andata (manca la sfida contro la Openjobmetis Varese), Trieste ha chuso con 613 minuti pari al 23,6% delle presenze totali terminando davanti a De' Longhi Treviso (512 minuti) e Fortitudo Bologna (426). «La costruzione della squadra - le parole del presidente Mario Ghiacci - è stata pensata anche in funzione di poter dare minuti importanti a giocatori italiani di prospettiva, nei quali crediamo e che riteniamo debbano avere spazio per maturare e consolidare il loro rendimento nella massima serie. Un esempio su tutti Davide Alviti, che ha visto premiato il suo ottimo inizio di stagione con la convocazione in nazionale».


L'importanza, la presenza e l'apporto del nucleo italiano ha dato slancio all'Allianz in questa parte finale del girone d'andata. Lo si è visto domenica scorsa contro la Fortitudo Bologna quando, complice l'assenza per infortunio del Lobito Fernandez e la serata decisamente negativa della coppia straniera formata da Doyle ed Henry, Trieste ha saputo compiere l'impresa e portare a casa un successo che cambia le prospettive della sua stagione. Laquintana si è scrollato di dosso un periodo poco felice riprendendo in maniera brillante la scena e guidando la squadra con personalità, Alviti è stato un protagonista silenzioso ma capace di piazzare le giocate decisive nel finale. In vista del girone di ritorno e delle final eight di coppa Italia in programma a Milano dall'11 al 14 febbraio, l'obiettivo dell'Allianz è proseguire su questa strada per consolidare un ruolo che potrà diventare un punto di partenza importanza per le prossime stagioni. —

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi