Serie C, giovanili di Eccellenza e B donne: ok agli allenamenti Congelata la ripresa dei tornei

TRIESTE

Sì agli allenamenti in palestra, ancora congelate invece le ipotesi per una ripresa dei campionati di serie C e giovanili di Eccellenza.


Questo in sintesi quanto emerso al termine dell’incontro voluto dal presidente della Fip Giovanni Petrucci, avvenuto in rete nella mattinata dello scorso lunedì in collegamento con i responsabili delle società della pallacanestro che anima le categorie della C.

Si riparte da un punto già ventilato nei giorni scorsi e che riguarda l’entrata oramai ufficiale di ulteriori categorie nell’ambito del basket di “interesse nazionale”, aprendo così i recinti alla C Gold, alla C Silver regionale e ai campionati giovanili di Eccellenza (quelli che sfociano in finali in campo nazionale) e coinvolgendo anche la pallacanestro femminile, con la serie B.

La vera novità si lega alla possibilità di riprendere gli allenamenti in palestra mentre regna ancora la massima incertezza sotto la voce “date” dei vari campionati. Insomma, la pallacanestro dilettantistica prova a (ri)darsi un incentivo, più romantico che sostanziale, e in attesa di calendari, scadenze e partite, ecco almeno la possibilità di serrare le fila e di ridare tono non solo muscolare ad una stagione del tutto atipica.

«Hanno deciso di non decidere – ha sottolineato secco Roberto Ciriello, vice presidente e portavoce della Servolana di serie C Silver – torneremo a breve ad allenarsi nella palestra “Don Milani” di Altura e lo faremo due volte alla settimana, nel massimo rispetto dei protocolli di norme di sicurezza. È difficile andare avanti così, soprattutto alla luce della mentalità di un giocatore non professionista. Non credevamo molto alla ripresa dei giochi a fine estate – ha aggiunto – figuriamoci a questo punto. Prendiamolo almeno come un segnale».

Tornerà intanto in palestra quindi anche lo Jadran, in lizza nella serie C Gold, e pure la neopromossa Is Copy Cus di Silver, club che può almeno vantare un parquet di proprietà, in via Monte Cengio.

«Noi prendiamo questa svolta come un momento di ricostruzione – afferma Matteo Zanini, anima del Cus di basket –la consideriamo una specie di seconda fase di preparazione, in attesa di nuovi sviluppi». –



Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi