F1, torna Imola al posto della Cina

Mondiale al VIA IN BAHREIN IL 28 MARZO 



A due mesi dal via, la F1 è costretta a cambiare calendario per adeguarsi alla diffusione del Covid. L’Australia non è pronta a ospitare il Gran Premio inaugurale previsto il 21 marzo e slitta al 21 novembre.


Il via al campionato sarà dunque il 28 marzo in Bahrein, dove saranno spostati anche i test tra il 2 e il 4 marzo. Ma la grande novità è il ritorno di Imola. Il Gp intitolato all’Emilia Romagna si correrà il 18 aprile e sarà la seconda gara della stagione. La positiva esperienza dell’anno scorso e l’esclusione della Cina hanno liberato una casella nel calendario.

«Siamo entusiasti di poter fare quest’annuncio», dice Stefano Domenicali al suo debutto da presidente e amministratore delegato della Formula 1. Salvo sorprese che la situazione fluida della pandemia rende sempre possibili, l’Italia sarà l’unico Paese a ospitare due Gp. Resta uno slot il 2 maggio: probabile che sia occupato da Portimao (Portogallo), dove la F1 ha debuttato nel 2020.

La Cina potrebbe rientrare, ma solo in caso di un’altra defezione, in quanto per ragioni organizzative non si possono superare le 23 gare. Il finale di campionato sul Golfo Persico sarà spostato in avanti di una settimana: il debutto in Arabia Saudita slitta al 5 dicembre, Abu Dhabi sarà il 12. —



Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi