L’Artistica ’81 è quarta nella final six di Napoli Bronzi: «Straordinarie sarà ancora serie A1»

Il gruppo di Diego e Carolina Pecar strepitoso nella trave Il presidente: «Pronti per il 19.mo anno nel gotha nazionale» 

TRIESTE

Un anno tosto tra Covid, allenamenti ripresi e interrotti, palestre interdette e poi riaperte agli agonisti. Ma la squadra femminile di ginnastica dell’Artistica ’81 chiude al meglio il campionato di serie A1, con un’ottima prestazione a Napoli, dove il gruppo ottiene il quarto piazzamento nella finalissima, la Final Six conquistata nei mesi scorsi. La società quindi il prossimo anno gareggerà ancora nella massima serie, per il 19esimo anno successivo.


Un risultato inatteso, quello del week end appena trascorso, e ricco di soddisfazioni, soprattutto per i parametri completamenti ribaltati nell’ultimo appuntamento, con la competizione che si è giocata sul piano delle sfide uno contro uno delle ginnaste, e non solo con i punteggi complessivi delle squadre. Una difficoltà in più.

Nella prima parte della gara, sabato, le ginnaste si sono classificate terze, nella fase successiva, ecco la quarta posizione conclusiva, con le atlete Giovanna Novel, Anna Danieli, Tea Ugrin, Vittoria Usoni e il prestito Francesca Noemi Linari.

«Sono molto contento – commenta l’allenatore Diego Pecar, che ha seguito il gruppo insieme a Carolina Pecar – tutte hanno dato il massimo, senza errori, soprattutto alla trave abbiamo stravinto negli esercizi, è stata determinante nel punteggio finale. E sono state brave anche perché la formula di gara era nuova e particolarmente complessa. Si giocava sul fronte individuale, motivo per cui è stato fondamentale adottare una nuova strategia prima di affrontare le prove. Le nostre ginnaste si sono giocate la due giorni con grande determinazione, e sono davvero orgoglioso di tutte. Certo con il sistema precedente saremmo arrivate terze, ma va bene così».

Grande gioia espressa anche dal presidente dell’Artistica ’81 Fulvio Bronzi. «Sono felice per queste ragazze, che nel 2020 hanno fatto molti sacrifici, dopo mesi difficili sul fronte della preparazione, considerando gli stop legati al Covid – dice – si meritano questo risultato brillante perché so che ce l’hanno messa tutta. Ed è un onore per me constatare che ci avviamo verso il 19esimo anno di serie A, motivo di orgoglio per tutta la città». E Bronzi ci tiene a ringraziare particolarmente anche Diego e Carolina Pecar: «A loro va un pensiero speciale, perché per tre volte hanno fatto su e giù in pulmino da Trieste a Napoli negli ultimi mesi, considerando le varie gare, di serie A e non solo, che lì si sono disputate. Hanno dimostrato, ancora una volta, un attaccamento e una passione verso questo sport che sono impagabili».

La squadra, sostenuta dalla Bcc di Staranzano e Villesse, è rientrata a Trieste ieri, in tarda serata. —



Egg muffin con broccoli e feta

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi