Focolaio in casa Reyer, 11 positivi: partita rinviata, l’Allianz resta a casa

Il coach dell'Allianz Trieste, Eugenio Dalmasson

Nessuno nuovo caso tra i biancorossi ma c’è prudenza. Dalmasson: «Fino a martedì lavoro individuale»

TRIESTE Ci hanno provato fino all'ultimo, Venezia e Trieste si sono arrese all'evidenza dei tamponi. La sfida tra Umana e Allianz, da calendario in programma questa sera al Taliercio, non si giocherà. Decisivo l'esito dei test svolti dalla formazione di De Raffaele nella mattinata di ieri, test che hanno fatto emergere ulteriori nuovi contagi all'interno del gruppo squadra facendo salire a 11 il numero di positivi al Covid 19. Giocatori in isolamento fiduciario, attività sospesa e partita rimandata a data da destinarsi. Lo ha deciso la Lega in un comunicato emesso nel pomeriggio di ieri a firma Umberto Gandini. «In analogia con i precedenti provvedimenti assunti - le parole del presidente di LBA - preso atto che gli accertamenti diagnostici effettuati dalla Umana Reyer Venezia hanno certificato la presenza di nove membri del Gruppo Team positivi al Covid-19, vista la primaria necessità di preservare la salute dei tesserati di entrambe le squadre e di tutte le altre componenti coinvolte, dispone il rinvio della gara stessa». La situazione in casa Allianz dovrebbe essere sotto controllo. L'esito dei tamponi molecolari sembra aver rassicurato tutti confermando l'unico caso di positività emerso già nella giornata di giovedì ma accertando la negatività del resto del gruppo squadra.

Si mantiene grande prudenza, comunque, perchè così come successo a Venezia, c'è da rispettare un periodo di incubazione nel quale i tamponi potrebbe non rilevare il virus. L'idea è far passare ancora qualche giorno per poi sottoporre i giocatori a un nuovo giro di esami per escludere possibili nuovi casi. «I ragazzi si alleneranno in modo differenziato e individuale oggi, domani e lunedì, quando poi ripeteranno l'esame molecolare - spiega coach Eugenio Dalmasson - Se martedì i risultati negativi saranno confermati, allora riprenderemo a lavorare in gruppo». Per Trieste, si tratta della terza partita non disputata in questo tormentato inizio di stagione. Dopo Cantù e Reggio Emilia, dunque, un altro match da recuperare per un calendario che, inevitabilmente, diventerà particolarmente intenso nelle prossime settimane. Adesso si guarda alla prossima sfida, l'anticipo della nona giornata in programma all'Allianz Dome contro Treviso. «Questa è una situazione con cui dobbiamo imparare a convivere, visto che ogni settimana le dinamiche in gioco cambiano- conclude Dalmasson-. Sono dell'idea che il basket italiano, con tutte le cautele del caso, debba andare avanti. Si troverà il modo e il tempo in cui recuperare le sfide rimandate. Serve che vengano prese decisioni straordinarie per far fronte a una situazione straordinaria, dobbiamo dare un senso a questa stagione».

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi