Stop alla serie positiva Trieste crolla in trasferta per 28-22 con la Sparer

Altoatesini nient’affatto eccelsi, ma i biancorossi pagano la giornata no. Male la difesa, ancora peggio l’attacco

TRIESTE

Senza nerbo, incapace di dare continuità ai pochi momenti di luce in una partita disputata a fari spenti, Trieste cede 28-22 sul campo dello Sparer interrompendo la mini serie positiva cominciata con la splendida impresa compiuta due settimane fa a Cassano Magnago.


Appiano è apparsa avversaria tutt’altro che irresistibile, ma ha avuto il merito di cominciare con il piede giusto la gara per poi gestirla con sicurezza anche nei momenti in cui la sua avversaria ha provato ad alzare la testa.

Recuperato in extremis Visintin, Trieste ha giocato una partita insufficiente sotto ogni punto di vista. Male in difesa, peggio in attacco, tradita anche dai suoi uomini di maggior esperienza.

Ha avuto, nella ripresa, un paio di occasioni per ridurre il passivo e tornare sotto di sole due reti ma ha sempre sciupato malamente le opportunità che la sua avversaria le ha concesso. Dispiace perché le chance di tornare dall’Alto Adige con un risultato positivo c’erano, l’impressione è che la squadra non ci abbia mai creduto davvero.

Pronti via e i biancorossi sono già sotto 3-0. Hrovatin e Bratkovic trovano la via della porta ma i troppi errori in fase offensiva consentono ai padroni di casa di mantenere invariato il vantaggio con il tabellone che al 9’ segna 6-3. Trieste sbaglia tutto e al 13’ scivola sotto 8-3 costringendo Oveglia a chiamare time out. Dentro Visintin in ala sinistra con Dapiran che si sposta centrale e Hrovatin terzino destro. Non basta a cambiare l’inerzia della gara perché Appiano sigla il 9-3 e Kuodys (dopo gli errori di Bratkovic e Dapiran) sbaglia il quarto 7 metri consecutivo centrando in faccia il portiere avversario. Da regolamento, inevitabile espulsione e partita che sembra finita con il punteggio che si dilata fino al 14-6 del 24’.

Nel momento peggiore Trieste reagisce e con un parziale di 4-1 nei minuti finali del primo tempo riduci in termini accettabili il passivo e rientra negli spogliatoi sotto 15-10. Sembra crederci la formazione di Oveglia in apertura di ripresa. Visintin e Bratkovic accorciano fino al 16-13, nel momento in cui Appiano stava concedendo qualcosa a trdire sono proprio gli uomini di maggior esperienza. Dapiran e Bratkovic si ritrovano con tre tiri puliti dall’ala ma non riescono a fare centro. Appiano ringrazia e ne approfitta per allungare nuovamente sul 20-14. Finale a elastico con Trieste che torna ancora sul 23-20 del 23’ ma non riesce mai a scendere sotto le tre reti di scarto consegnandosi a un’avversaria che nel finale torna ad allungare chiudendo 28-22. —



Arrosto di maiale con funghi e castagne

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi