Contenuto riservato agli abbonati

Barcolana alla boa dei 200 Gialuz: «Segnali confortanti»

Nonostante le incertezze sono arrivate alla Svbg un buon numero di iscrizioni online. Intanto la società continua il tour promozionale anche per la Young

TRIESTE. In un anno nel quale la caccia al record sarà molto difficile, Barcolana gongola per le 200 pre-iscrizioni già perfezionate attraverso la procedura online aperta appena dieci giorni fa. Necessaria per evitare assembramenti nella sede della SVBG, la nuova modalità esclusivamente telematica non ha quindi per nulla scoraggiato gli armatori ed è positivo il commento del presidente Mitja Gialuz:«I segnali sono molto incoraggianti sia per la Barcolana che per l’incoming turistico e per l’immagine del territorio regionale. Il dato riguarda chi ha già chiuso la pre-iscrizione perché tanti altri - oltre un centinaio - stanno completando la procedura e fino a quando non l'avranno conclusa non entrano nel conteggio ufficiale».

Scorrendo la entry list provvisoria emerge in maniera inequivocabile come la provenienza degli iscritti sia in larga maggioranza esterna al Golfo di Trieste: veneti e friulani sono accorsi subito, ma non mancano armatori da Milano, Torino, dalla Slovenia e dalla Croazia, una decina dall’Austria, quattro dalla Germania, uno dalla Slovacchia e uno anche dalla Norvegia. Perlopiù si tratta di barche di medio-piccole dimensioni – tra 20 e 45 piedi – spesso familiari o charterizzate da amici che desiderano essere presenti alla grande festa del mare di metà ottobre.


Un ulteriore dato interessante: tra gli iscritti risulta in aumento il trend degli armatori donne. «Prima dell’arrivo del Covid, secondo i nostri piani, il tema di quest’anno doveva essere la gender equality, la volontà di superare le barriere di genere e avere così più veliste in Barcolana. Noi su questo argomento torneremo in futuro, ma è bello vedere come il trend sia in crescita», ha dichiarato ancora Gialuz.

Parallelamente al perfezionamento delle iscrizioni, continua l’attività di promozione della Barcolana al di fuori dei confini adriatici. Land Rover, brand che da anni unisce il proprio marchio alla regata, supporta nel 2020 il progetto Road to Barcolana Young, che mira a ospitare giovani talenti della vela nazionale a Trieste nel weekend dell’11 ottobre.

In partnership con lo Yacht Club Porto Rotondo la SVBG co-organizzerà infatti una tappa del Campionato zonale Optimist sardo (11-13 settembre) dove il premio più ambito sarà la possibilità di partecipare alla Barcolana per i quattro vincitori delle categorie juniores e cadetti (maschile e femminile). La presentazione dell’evento si è svolta a Porto Rotondo alla presenza, tra gli altri, dell’olimpionico Vittorio Bissaro, di Max Sirena, skipper di Luna Rossa e Land Rover Ambassador, nonché di Roberto Ricci, atleta e imprenditore del mondo del surf. 
 

Video del giorno

Max Tramontini si candida come consigliere comunale di Trieste

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi