Allianz, c’è la firma di Upson. Ora mancano solo due tasselli

Devonte Upson arricchisce il pacchetto lunghi dell’Allianz

L’ala pivot Usa ha sottoscritto un contratto annuale. Ghiacci: «Lo seguivamo da tempo». Dalmasson: «Porta in dote un’importante esperienza europea» Playoff, una Triestina “corta” ma con tante carte in attacco

TRIESTE

L'Allianz completa il suo reparto lunghi con la firma di Devonte Upson, ala pivot statunitense, classe 1993, lo scorso anno in Europa tra Polonia e Francia.


Trattativa lampo, iniziata nel pomeriggio di mercoledì subito dopo l'interruzione del dialogo che Trieste aveva intavolato con Angus Brandt. Dopo il no dell'australiano, l'apertura dell'agente di Upson ha riportato la società su un nome gradito.

«Upson è un giocatore che abbiamo seguito fin dall'inizio del mercato - ha commentato il presidente Ghiacci - non appena si è presentata l'opportunità gli abbiamo formulato la nostra offerta e mi piace sottolineare come l'abbia accettata immediatamente, a dimostrazione tangibile della sua voglia e del piacere di giocare per noi».

Devonte Upson, che ha firmato un annuale con opzione per la seconda stagione, è un ala pivot di 206 centimetri: dopo la high school con Harrison, ha giocato al college di Trinidad State per due anni, chiudendo la carriera accademica con i Southeastern Lions. A livello professionistico l’esordio è in Svizzera, agli Starwings Basilea: in seguito, le tappe della sua carriera lo vedono in Finlandia (Helsinki Seagulls), poi con il Rapla e con lo Start Lublino, in Polonia. Nel 2019/2020, con il Prokom Gdynia, si mette in mostra in EuroCup e poi, trasferitosi in Francia, gioca con la maglia dello Strasburgo, in Pro A.

Giocatore che nello scacchiere tattico immaginato dallo staff tecnico dovrebbe interpretare il ruolo di centro titolare partendo in quintetto con Udanoh da ala forte ma che, viste le caratteristiche, può consentire all'Allianz 2020/2021 di mutare volto nel corso della stagione e anche della singola partita.

Un Derek Cooke con più pallacanestro nelle mani, un giocatore verticale ma capace di leggere le situazioni sul campo con movimenti che gli possono consentire di avvicinarsi efficacemente a canestro e un tiro dai tre-quattro metri che lo rende pericoloso anche dalla distanza.

«Devonte è un atleta dotato di ottime capacità di salto - ha dichiarato coach Eugenio Dalmasson - dinamico e agile. Lo seguivamo dall'inizio del mercato perché ha esattamente le caratteristiche che ci interessano per completare e dare ulteriore fisicità al reparto lunghi. Porta in dote un'esperienza europea in diversi campionati nazionali e in coppa. Sarà davvero molto utile nelle combinazioni di quintetto che abbiamo in mente».

Chiuso con Upson il reparto lunghi, l'Allianz deve completare il suo roster scegliendo guardia e ala piccola titolare.

Sondaggi in corso, al momento nessuna offerta ufficiale, primi rumors legati al nome di Hugh Robertson, guardia trent'enne con una lunga carriera in Europa che nelle ultime due stagioni ha giocato in Belgio con i Leuven Bears chiudendo l'ultima stagione giocata da capocannoniere del campionato con una media di oltre diciannove punti a partita. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Pedofilia, arrestato 52enne di Gorizia: il video della polizia

Estratto di mela, sedano, cetriolo e lime

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi