In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Ricordate l’ex Unione Cisotti? Ora fa l’Europa League a Fiume

Calcio, il giocatore carnico debuttò quattro anni fa nelle file della Triestina Dopo l’esperienza nello Spezia è andato in prestito all’ambizioso club croato

2 minuti di lettura

TRIESTE. Che la globalizzazione del calcio sia oramai totale non è certo una sorpresa. Soprattutto in Europa, grazie al trattato di Schengen e a quelle barriere che sempre di più si vanno ad abbattere. Ovvio, quindi, che nelle nostre terre di (ex) confine il gioco più amato del mondo fornisca sempre nuovi interessanti spunti.

L'ultimo arriva dalla vicina Fiume. E più precisamente dall'Hnk Rijeka, sodalizio che milita nel massimo campionato croato, la Prva Hrvatska nogometna liga. La dirigenza fiumana ha infatti deciso di ingaggiare con la formula del prestito il giovane Juri Cisotti, 22enne mezzapunta originario di Tolmezzo.

Il giocatore è arrivato in Croazia dallo Spezia dopo aver militato in passato anche nelle file della Triestina: nel 2011 all'ultima giornata di campionato fece il suo esordio ad Ascoli, giocando sempre con la maglia alabardata la successiva Coppa Italia contro Pescara e Novara. «Sapevo che a Fiume si parlasse l’italiano, ma non in questa misura. Anche tra i nuovi compagni di squadra ho notato che in diversi parlano la mia lingua, a cominciare da Stefan Ristovski, con il quale ho giocato per un anno allo Spezia. E tanti altri. Direi che tutto questo mi aiuterà ad ambientarmi ancora più in fretta. Non vedo l’ora di iniziare la nuova avventura», ha commentato durante la conferenza stampa di presentazione il giocatore di Tolmezzo.

Anche se Cisotti non era tra i convocati, la stagione del Rijeka non è affatto iniziata nel migliore dei modi. Nel turno preliminare di Europa League, allo stadio Cantrida, la squadra allenata da Matjaž Kek ha incassato un sonoro 0-3 casalingo da parte degli scozzesi dell'Aberdeen. Prima di arrivare a Fiume, Cisotti si era comunque ben informato sulle qualità del sodalizio: «Al momento di venire in Croazia ho parlato molto con i giocatori del Rijeka in prestito allo Spezia, che mi hanno detto tutto il meglio del club e del posto. Mi hanno informato di un grande progetto in corso e degli obiettivi in campo nazionale e in Europa. Non è stato difficile convincermi ad accettare. Devo ammettere che, Triestina a parte, non ho mai giocato così vicino a casa mia, a Tolmezzo».

E Cisotti, contattato ieri, ha parlato anche un po' di Triestina e dello “scoglio” della lingua croata: «Qui sono in molti a parlare in italiano e poi me la cavo anche con l'inglese. Per quanto riguarda la Triestina ho seguito purtroppo le disgrazie degli ultimi anni anche perché ho molti amici con cui ho giocato a Trieste». Dando infine uno sguardo alla rosa dell'Hnk Rijeka, la squadra croata è uno splendido melting pot di giocatori provenienti da Slovenia, Bosnia Erzegovina, Macedonia, Albania, Bulgaria, Nigeria e Brasile. Mancava l'Italia: con Juri Cisotti il quadro è completo.

Riccardo Tosques

I commenti dei lettori