Donati accusa: «La Di Centa si dopava»

Il consulente della Wada va giù pesante: «Sicuramente usava Epo». L’ex olimpionica friulana: «Falsità palese, mi diffama»

BOLZANO. «Manuela Di Centa ha fatto sicuramente uso di Epo». Arriva una pesantissima accusa da un film-documentario sul doping prodotto in Finlandia in uscita domani 5 nei cinema della terra dei mille laghi. Ad affermarlo nel corso dell’intervista a lui riservata nel filmato è Sandro Donati, unico consulente italiano dell’agenzia mondiale antidoping (Wada). Immediata la risposta da parte della Di Centa, ex fondista azzurra con sette medaglie olimpiche, di cui due d’oro: «È una tremenda diffamazione, ho già dato incarico al mio legale di preparare querela e di tutelarmi in ogni sede. La notizia che nella mia carriera sportiva avrei fatto uso di sostanza dopante tutti debbono sapere che è palesemente falsa e lede la mia immagine». A rinforzare la smentita della ex campionessa mondiale azzurra, il fatto che non è mai stata trovata positiva ai controlli antidoping. «Il tempo ancora una volta mi darà ragione e ristabilirà la verità», ha precisato la Di Centa, oggi onorevole del Pdl.

Il film, costato 390mila euro, è titolato «Sinivalkoinen valhe» che in italiano significa «La menzogna bianco blù». Singolare la locandina dell’opera diretta da Arto Halonen e prodotta da Art Films: si vedono i due binari della pista da fondo e accanto una piantana con tre sacchetti di flebo, uno con i colori della bandiera della Finlandia, l’altro con quelli della Norvegia ed il terzo con quelli dell’Italia. Il docufilm, della durata di 2 ore, vuole ripercorrere i casi di doping nello sci nordico e nello sport in genere. All’interno di «Sinivalkoinen vahle» accuse dirette nei confronti di campioni olimpici, mondiali ed europei e vengono citati, oltre agli atleti italiani, anche i fondisti finlandesi trovato positivi, da Jari Isometsa a Harri Kirvesniemi, da Virpi Kuitunen a Mika Myllyla.

Commentan do l’uscita del film, Donati ha parlato anche di Alex Schwazer. «Bisogna dargli onore, ha ha avuto il coraggio di ammettere, ma non credo a tante cose del suo racconto. Assumere Epo è una cosa premeditata e non puoi farla da solo. Lui, come altri, è stato vittima della vigliaccheria estrema da parte del sistema sportivo». Donati è stato allenatore dei velocisti azzurri nell’atletica leggera e dirigente del Coni. «Coloro che lo hanno indotto, adesso hanno preso le distanze. Gli atleti fanno comodo quando fanno i risultati, poi vengono abbandonati. Qui ci sono responsabilità di tutto l’ambiente attorno a lui. L’allenatore non ha mai analizzato certe prestazioni? - si domanda Donati -. I controlli vengono fatti, ma alle gare dove gli atleti sanno che sono soggetti a esame e quindi si gestiscono anticipatamente. Gli unici controlli efficaci sono quelli a sorpresa e Schwazer è stato trovato positivo ad uno di essi».

Donati, che si auspica di incontrare privatamente il marciatore altoatesino per capire qualcosa di più, sostiene che «negli sport di resistenza e potenza muscolare enorme è l’effetto dei farmaci. Non voglio fare un’accusa contro gli atleti, ma al lassismo della dirigenza sportiva che ha causato negli ultimi anni, la proliferazione del doping».

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi