In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
PROVA

La filantropa Wendy Schmidt dona 100 mila dollari al BioMa di Miramare in onore della vittoria alla Barcolana 54

Aggiornato alle 4 minuti di lettura

L'annuncio della filantropa Wendy Schmidt domenica 27 novemmbre alle premiazioni della Barcolana 54. Foto Silvano

 

TRIESTE  In onore della sua vittoria come prima donna e prima americana a vincere la Barcolana 54, la più grande regata velica al mondo, la filantropa Wendy Schmidt ha annunciato che sosterrà le attività educative e di conservazione del Biodiversitario Marino (BioMa), nell'Area Marina Protetta di Miramare gestita dal WWF Italia, con una donazione di 100.000 dollari.

"Non gareggio in barca a vela solo per vincere un trofeo", ha dichiarato Schmidt, che ha ricevuto anche il trofeo Generali "Women in Sailing".

Wendy Schmidt, vincitrice della Barcolana 54, dona 100.000 euro al BoMa di Trieste

"Io gareggio per vincere, e per sfruttare il nostro momento sotto i riflettori per incoraggiare tutti coloro che amano la vela a unirsi a noi nella salvaguardia degli oceani".

Schmidt è co-fondatrice di diverse organizzazioni filantropiche che si occupano della salute degli oceani. Tra queste 11th Hour Racing, con sede a Newport, nel Rhode Island, USA, che lavora specificamente con l'industria velica e marittima e con le comunità costiere per promuovere soluzioni e pratiche sostenibili.

"Per tutta la vita ho visto l'oceano sotto attacco, con pesca eccessiva, inquinamento industriale, plastica e rifiuti. Possiamo fare di meglio", ha dichiarato Schmidt, che è anche presidente e co-fondatrice della Schmidt Family Foundation insieme al marito Eric. "Speriamo che tutti si uniscano al lavoro che svolgiamo con 11th Hour Racing per sostenere la risorsa più essenziale del mondo".

Data la filantropia di Schmidt incentrata sulla salute degli oceani, la Schmidt Family Foundation assegnerà una sovvenzione per sostenere le attività del Biodiversitario Marino (BioMa), un centro di studi ambientali che offre ai visitatori un'esperienza immersiva nel Golfo di Trieste e nell'Area Marina Protetta di Miramare, che si estende per 30 ettari. La sovvenzione sosterrà il lavoro educativo del BioMa sull'importanza di proteggere la biodiversità marina della regione.

"La vostra bellissima città di Trieste è stata un luogo di ispirazione per noi quando siamo venuti qui per la Barcolana", ha detto Schmidt. "La nostra sovvenzione sosterrà il lavoro del BioMa per connettere le persone al mondo marino in modo che possano comprenderlo, amarlo e proteggerlo".

"Questa donazione che attraversa l’oceano e dagli Stati Uniti arriva alla più piccola riserva marina italiana è il segno tangibile che la tutela del mare non ha confini,” ha detto Maurizio Spoto, direttore del BioMa. “E da oggi il nostro impegno nell’educare e sensibilizzare le nuove generazioni sarà ancora più forte e incisivo."

In ottobre, Schmidt ha guidato il suo team a bordo di Deep Blue alla vittoria della Barcolana 54 contro una flotta di 1.614 barche a Trieste, assicurandosi anche il Trofeo Generali “Women in Sailing”. Deep Blue ha concluso il percorso di 13 miglia nautiche in 57 minuti e 47 secondi – con poco meno di un minuto di vantaggio sulla barca successiva.

Massimo Silvano 

“A nome di tutta la comunità della Barcolana - organizzatori, velisti, pubblico - ringrazio per questo meraviglioso dono: siamo orgogliosi e felici che dalla partecipazione alla nostra regata nasca questa iniziativa, perfettamente in linea con i valori di incisività e sostenibilità che Barcolana promuove insieme alla passione e all’amore per la vela,” ha commentato Mitja Gialuz, presidente della Società Velica di Barcola e Grignano, lo yacht club che organizza l’evento.

Massimo Silvano 

In onore della sua vittoria come prima donna e prima americana a vincere la Barcolana 54, la più grande regata velica al mondo, la filantropa Wendy Schmidt ha annunciato oggi che sosterrà le attività educative e di conservazione del Biodiversitario Marino (BioMa), nell'Area Marina Protetta di Miramare gestita dal WWF Italia, con una donazione di 100.000 dollari.

Massimo Silvano 

"Non gareggio in barca a vela solo per vincere un trofeo", ha dichiarato Schmidt, che ha ricevuto anche il trofeo Generali "Women in Sailing". "Io gareggio per vincere, e per sfruttare il nostro momento sotto i riflettori per incoraggiare tutti coloro che amano la vela a unirsi a noi nella salvaguardia degli oceani".

Massimo Silvano 

Schmidt è co-fondatrice di diverse organizzazioni filantropiche che si occupano della salute degli oceani. Tra queste 11th Hour Racing, con sede a Newport, nel Rhode Island, USA, che lavora specificamente con l'industria velica e marittima e con le comunità costiere per promuovere soluzioni e pratiche sostenibili.

Massimo Silvano 

"Per tutta la vita ho visto l'oceano sotto attacco, con pesca eccessiva, inquinamento industriale, plastica e rifiuti. Possiamo fare di meglio", ha dichiarato Schmidt, che è anche presidente e co-fondatrice della Schmidt Family Foundation insieme al marito Eric. "Speriamo che tutti si uniscano al lavoro che svolgiamo con 11th Hour Racing per sostenere la risorsa più essenziale del mondo".

Data la filantropia di Schmidt incentrata sulla salute degli oceani, la Schmidt Family Foundation assegnerà una sovvenzione per sostenere le attività del Biodiversitario Marino (BioMa), un centro di studi ambientali che offre ai visitatori un'esperienza immersiva nel Golfo di Trieste e nell'Area Marina Protetta di Miramare, che si estende per 30 ettari. La sovvenzione sosterrà il lavoro educativo del BioMa sull'importanza di proteggere la biodiversità marina della regione.

"La vostra bellissima città di Trieste è stata un luogo di ispirazione per noi quando siamo venuti qui per la Barcolana", ha detto Schmidt. "La nostra sovvenzione sosterrà il lavoro del BioMa per connettere le persone al mondo marino in modo che possano comprenderlo, amarlo e proteggerlo".

"Questa donazione che attraversa l’oceano e dagli Stati Uniti arriva alla più piccola riserva marina italiana è il segno tangibile che la tutela del mare non ha confini,” ha detto Maurizio Spoto, direttore del BioMa. “E da oggi il nostro impegno nell’educare e sensibilizzare le nuove generazioni sarà ancora più forte e incisivo."

In ottobre, Schmidt ha guidato il suo team a bordo di Deep Blue alla vittoria della Barcolana 54 contro una flotta di 1.614 barche a Trieste, assicurandosi anche il Trofeo Generali “Women in Sailing”. Deep Blue ha concluso il percorso di 13 miglia nautiche in 57 minuti e 47 secondi – con poco meno di un minuto di vantaggio sulla barca successiva.

“A nome di tutta la comunità della Barcolana - organizzatori, velisti, pubblico - ringrazio per questo meraviglioso dono: siamo orgogliosi e felici che dalla partecipazione alla nostra regata nasca questa iniziativa, perfettamente in linea con i valori di incisività e sostenibilità che Barcolana promuove insieme alla passione e all’amore per la vela,” ha commentato Mitja Gialuz, presidente della Società Velica di Barcola e Grignano, lo yacht club che organizza l’evento.

Informazioni su Wendy Schmidt

Wendy Schmidt è una filantropa e investitrice che ha trascorso quasi due decenni a creare organizzazioni no-profit innovative per promuovere energia pulita e rinnovabile, sistemi alimentari resilienti, oceani sani, e per la protezione dei diritti umani. Il lavoro filantropico di Wendy è incentrato sull’interdipendenza tra l'attività umana, la terra su cui viviamo e l'oceano da cui dipendiamo. Wendy è presidente della Schmidt Family Foundation, che ha fondato insieme al marito Eric. La coppia ha anche fondato le organizzazioni Schmidt Ocean Institute e Schmidt Futures.

Informazioni su 11th Hour Racing

11th Hour Racing lavora per mobilitare le comunità veliche, marittime e costiere con un approccio innovativo che ispira soluzioni per l'oceano. Dal 2010, l'organizzazione sfrutta il potere dello sport per promuovere un cambiamento collaborativo e sistemico attraverso tre aree principali di impegno: sponsorizzazioni, sovvenzioni e ambasciatori. Per saperne di più: 11thhourracing.org.

I commenti dei lettori