Roma, al Colosseo lo spettacolo del G20 della Cultura. Draghi: “Sostegno al nostro patrimonio cruciale per la ripartenza”

Presenti i ministri delle 20 più importanti economie mondiali. Il premier: «Quando il mondo ci guarda vede arte, musica e letteratura»

«Storia e cultura sono parti integranti dell’essere italiani: quando il mondo ci guarda, vede prima di tutto arte, musica e letteratura». Così Mario Draghi nell’intervento al G20 della Cultura che si è aperto nel cuore di una Roma più blindata che mai. Il premier ha ricordato i 58 siti del nostro paese considerati dall’unesco Patrimonio mondiale dell’Umanità e ha aggiunto: «Sono luoghi che l’Italia custodisce per se stessa e per il mondo intero, per chi è tornato a visitarci dopo i mesi vuoti della pandemia». 
Presenti nella spettacolare arena del Colosseo il «padrone di casa», il ministro della Cultura Dario Franceschini, quelli delle venti maggiori economie mondiali e 40 delegazioni internazionali. Insieme a loro la Direttrice Generale dell'UNESCO Audrey Azoulay e il Direttore del Museo Egizio di Torino, Christian Greco. Si tratta della prima Ministeriale cultura del G20, che l'Italia guida in qualità di presidente di turno: all'insegna di «La cultura unisce il mondo». 
«La tutela del patrimonio artistico richiede una maggiore sostenibilità ambientale», ha proseguito il premier, «Dobbiamo agire subito, perché le generazioni di domani possano godere dei tesori che noi ammiriamo oggi».

«Il nostro patrimonio culturale è il frutto dell’immaginazione dei nostri antenati: quello dei nostri nipoti dipenderà da cosa sapremo fare noi».

«Proteggere il patrimonio culturale significa proteggere l’umanità», ha dichiarato in apertura della cerimonia il ministro Franceschini, «La pandemia ci ha fatto capire quanto la cultura sia la linfa delle nostre vite. Le piazze vuote, i musei chiusi come i cinema, i teatri, le biblioteche, hanno reso le nostre città tristi, spente. Per questo ora sappiamo che sarà la cultura la chiave della ripartenza, il motore di una crescita innovativa, sostenibile ed equilibrata».

Queste le priorità rispecchiate nella Dichiarazione di Roma dei Ministri della Cultura G20, che verrà approvata a esito dei lavori: tutela e promozione di cultura e settori creativi come motori «per una crescita sostenibile ed equilibrata»; protezione del patrimonio culturale contro i rischi, transizione digitale e nuove tecnologie per la cultura, valorizzazione della formazione, lotta al cambiamento climatico.

Alla fine della cerimonia, il concerto al Quirinale dell'Orchestra Giovanile Luigi Cherubini diretta dal Maestro Riccardo Muti. Successivamente per i ministri cena al Palazzo della Consulta, dal 1956 sede della Corte Costituzionale. Domani i lavori si trasferiranno a Palazzo Barberini, dove sono previste diverse sessioni dalle 10 alle 17, concluse da una conferenza stampa. Alla fine dei lavori le delegazioni visiteranno la Galleria Borghese.

Video del giorno

Trieste, entrano i primi camion al Porto

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi