Contenuto riservato agli abbonati

Accessi e tangenziali sono un groviglio: a Padova tutti in coda, sconsolatamente

Le strozzature della statale Valsugana e il Grande raccordo anulare che non si realizza costituiscono i nodi di un sistema viario inadeguato, non da ieri

PADOVA. Tutti in coda, sconsolatamente. Mobilità, per gli automobilisti padovani come per quelli che comunque devono raggiungere la città o attraversarla, è un concetto che nelle ore di punta si misura in una manciata di chilometri l’ora; a piedi si farebbe prima.

Vale per gli accessi principali, da nord (Arcella-San Carlo) a sud (Bassanello-Guizza), da est (Venezia-nodo Stanga) a ovest (Vicenza-nodo Chiesanuova).

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Tumori. Le nuove frontiere della biopsia liquida: a caccia di esosomi per identificare metastasi

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi