World GO day, il 20 settembre parliamo di tumori ginecologici

World GO day, il 20 settembre parliamo di tumori ginecologici
Incontri negli ospedali, webinar, mostre fotografiche, lezioni di nordic walking e molto altro organizzati dall'associazione Loto in occasione della giornata mondiale 
2 minuti di lettura

Al carcinoma della cervice uterina, dell'ovaio, del corpo dell'utero, della vagina e della vulva è dedicata la Giornata Mondiale del prossimo 20 settembre. "World GO Day" dove GO sta per "Ginecologia Oncologica" ma allude anche alla "scelta di agire". Agire sul fronte dell'informazione perché sebbene queste cinque diverse neoplasie ogni anno colpiscono oltre 17.300 donne solo in Italia, sono ancora poco conosciute da parte della popolazione femminile. 

La giornata, giunta alla sua quarta edizione, vuole proprio migliorare la conoscenza sui fattori di rischio, sui sintomi, sulle possibilità di diagnosi precoce e sulle strategie di prevenzione. Si celebra in oltre 25 paesi e coinvolge migliaia di pazienti e più di 60 organizzazioni sanitarie e gruppi di medici-esperti. In Italia per l'occasione, anche quest'anno, Loto Odv organizza e patrocina numerose attività che si articoleranno nei prossimi giorni.

"Vogliamo promuovere il "Settembre Lilla" come mese della consapevolezza sui tumori ginecologici - afferma Sandra Balboni, Presidente di Loto Odv - In particolare, la nostra associazione si occupa dal 2013 del carcinoma ovarico, una malattia silente per la quale non esistono screening di prevenzione. Sono oltre 5.200 le donne che ogni anno scoprono troppo tardi di avere la neoplasia e infatti la sopravvivenza globale a cinque anni dalla diagnosi si attesta solo al 50%. La ricerca medico-scientifica deve proseguire per trovare nuovi strumenti, sia terapeutici che diagnostici, in grado di migliorare le opportunità per le pazienti. Come associazione stiamo inoltre allargando la nostra area di riferimento a tutti i tumori ginecologici. Il nostro impegno deve essere favorire un'informazione corretta e costante per mettere in guardia tutte le donne. I tumori ginecologici non godono della stessa notorietà di altre malattie come per esempio il carcinoma mammario". 

A questo scopo Loto promuove una serie di attività, sia in presenza che on line, per raggiungere il più alto numero di persone possibili. Saranno offerte attività gratuite (ecografie, consulenze genetiche, consulenze ginecologiche) su prenotazione sino ad esaurimento posti disponibili negli ospedali dove Loto è presente. Le date fissate sono: Bologna - 16 settembre (Policlinico Sant'Orsola), Rimini - 17 e 24 settembre (Ospedale degli Infermi), Forlì - 22 e 23 settembre (Ospedale Morgagni-Pierantoni) (IRST Meldola), Parma - 23 settembre (Ospedale Maggiore di Parma) - Roma 24 settembre (Policlinico A. Gemelli.), Ancona - 15 e 20 settembre (Ospedali riuniti di Ancona).

Dal 20 settembre e per due settimane il Policlinico Gemelli di Roma ospiterà "Scatta la Rinascita. Una fotografia come segno di nuova luce dopo la malattia", una mostra che nasce da un contest fotografico lanciato dall'associazione. L'obiettivo dell'iniziativa è promuovere due volti della rinascita che in questo momento storico viaggiano paralleli: la rinascita dopo la malattia e la rinascita di tutti noi dopo un lungo periodo di pandemia. Hanno risposto in tantissimi: donne, uomini, pazienti, ex pazienti di tutte le età e da ogni parte d'Italia, ma anche semplici appassionati, ognuno con un'immagine che rappresenta la propria personale rinascita. Il risultato, dopo una difficile selezione, è questa mostra con 42 scatti in cui ogni foto diventa un sorriso, una carezza, una parola di incoraggiamento per le donne che attraversano questi corridoi. Si tratta di un progetto di sensibilizzazione itinerante che attraverserà diverse città Italiane. 

Inoltre, in occasione della Giornata mondiale sui tumori ginecologici parte una collaborazione con Federfarma. Prende l'avvio una campagna di comunicazione sul carcinoma ovarico all'interno delle farmacie aderenti su tutto il territorio italiano (circa 19.000). L'iniziativa "Conosciamoci Consapevolmente" è volta a diffondere, attraverso locandine informative, awareness sulla necessità di porre attenzione a sintomi che potrebbero essere indice della patologia. Sintomi che purtroppo sono molto simili a quelli di altre malattie comuni.