In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Tumori, con l’anatomo-patologo terapie sempre più su misura

Tumori, con l’anatomo-patologo terapie sempre più su misura
Con l’analisi approfondita dei tessuti individua specifiche mutazioni in base alle quali aiuta l'oncologo a scegliere la terapia migliore per ogni malato. Un ruolo sempre più importante nell’assistenza a milioni di pazienti  
1 minuti di lettura

"L'anatomopatologia ha subito una forte evoluzione negli ultimi anni. Da un lato infatti i trattamenti antitumorali, e non solo quelli, sono sempre più personalizzati e quindi calibrati sul singolo paziente. Dall'altro le nuove tecnologie, e la continua ricerca scientifica, ci consentono di avere un maggior numero di informazioni. Siamo quindi fondamentali all'interno dei team multidisciplinari che prendono in cura i malati oncologici. Possiamo inoltre contribuire alla sostenibilità del sistema sanitario nazionale in quanto evitiamo il ricorso e la somministrazione di terapie inutili. Si tratta spesso di farmaci anti-tumorali che presentano costi importanti per l'intera collettività". Descrive così la professione dell'anatomo-patologo Anna Sapino, presidente nazionale della Società Italiana di Anatomia Patologica e Citologia Diagnostica (SIAPEC). 

Per valorizzare il ruolo dell'anatomo-patologo la SIAPEC organizza una serie di Talk Show sulla propria pagina Facebook. Eventi on line, della durata di 40/50 minuti, che si terranno il giovedì ogni 15 giorni. Si comincia il 7 aprile, alle ore 18, con il talk dal titolo "Nuove possibilità terapeutiche dallo studio dei tumori da parte dei patologi italiani". Interverranno i Antonio Marchetti, direttore del Centro di Medicina Molecolare Predittiva, Fondazione Università "G. D'Annunzio" a Chieti, e Gabriella Fontanini, ordinaria di Anatomia patologica all'Università di Pisa, e sarà possibile rivolgere domande in diretta ai relatori. 

"Vogliamo far conoscere anche al grande pubblico le nostre attività scientifiche e il lavoro che svolgiamo nei laboratori dell'intera penisola - aggiunge Mauro Truini, Past President  SIAPEC -. Questo ciclo di eventi on line sono, infatti, dedicati a pazienti, caregiver e utenti del web che vogliono saperne di più sulla nostra professione medica. In oncologia, per esempio, una volta si parlava di tumore del seno o della prostata o del polmone. Adesso sappiamo che ogni neoplasia presenta una serie di mutazioni specifiche sulle quali solo alcuni trattamenti sono realmente efficaci. Inoltra alcuni farmaci chiamati "agnostici" non sono efficaci per una neoplasia ma per una specifica mutazione. Vengono infatti chiamati anche farmaci "jolly". Anche grazie a queste maggiori conoscenze e innovazioni siamo riusciti ad ottenere risultati rilevanti in termini di sopravvivenza in diverse forme di tumore. Tutto ciò deve essere, a nostro avviso, comunicato non solo agli addetti ai lavori. Anche la corretta divulgazione deve essere un compito di una società scientifica".

Nelle prossime settimane, sempre sulla pagina Facebook di SIAPEC, si terranno sette Talk Show organizzati dai vari Gruppi di studio della società scientifica. Si parlerà di tumori rari, cancro della mammella, insufficienza renale cronica, HPV e tumori orofaringei, carcinomi delle ghiandole salivari.