Alzheimer, per la diagnosi precoce un aiuto dall'intelligenza artificiale

Alzheimer, per la diagnosi precoce un aiuto dall'intelligenza artificiale
Un modello è in grado di predire con una correttezza variabile tra l'86 e il 98 per cento le persone destinate a progredire verso la demenza grave
4 minuti di lettura

A volte comincia con un piccolo vuoto di memoria: dove ho lasciato le chiavi, dove ho parcheggiato la macchina, quale strada devo prendere per tornare a casa. E spesso lì finisce. E' quello che i neurologi chiamano MCI - Mild Cognitive Impairment - un deficit cognitivo lieve, una condizione iniziale e potenzialmente trattabile che non necessariamente progredisce sino alla demenza.