Come proteggere i capelli d'estate. I consigli della dermatologa

Così come la pelle hanno bisogno di non essere esposti per lungo tempo al sole. Il mix di sole e salsedine può creare un'infiammazione locale. I danni? Si vedono a ottobre 
2 minuti di lettura

"Così come la pelle, anche i capelli, in estate, hanno bisogno di essere protetti". Non ha dubbi la dermatologa Marcella Ribuffo, presidente della Lega Tumori di Roma, per oltre 40 anni medico all'Idi di Roma (Istituto Dermopatico dell'Immacolata): "Se è vero che un bagno al mare ha grandi effetti positivi sul benessere in generale, ricordiamoci però che il sole e la salsedine possono danneggiare i capelli creando microinfiammazioni le cui conseguenze si pagheranno in autunno".  

C'è dunque una relazione tra l'esposizione al sole senza precauzioni e la caduta dei capelli ad ottobre?

"Certo. In estate è estremamente importante avere cura non solo della pelle, ma anche dei capelli, messi a dura prova dall'azione dei raggi UV. Provocano infatti un'infiammazione locale che si ripercuote sui follicoli piliferi e sulle loro cellule staminali determinando caduta dei capelli e il rallentamento del loro ciclo di vita. I cheratociti dei capelli sono cellule programmate per vivere un certo lasso di tempo, il sole e gli altri inquinanti atmosferici le fanno invecchiare più velocemente e morire prima. Sole e salsedine agiscono sulle proteine che trattengono il pelo dentro il follicolo pilifero, causando una caduta anticipata. Per questo motivo, sulla spiaggia bisogna proteggere la testa con un foulard o un cappello, usare spray protettivi e, per chi poi soffre di alopecia, è importante proteggere la cute dalle scottature. Anche quando rimaniamo all'ombra. I raggi ci raggiungono anche sotto l'ombrellone, con un'intensità più bassa".

Cosa bisogna fare per evitare che i capelli si spezzino e contro l'effetto "paglia"?  

"Ugualmente importanti sono i danni cosmetici che il sole provoca sui capelli, destrutturandoli. Per evitare che si spezzino, consiglio dopo ogni bagno, al mare o in piscina, di sciacquarli per rimuovere residui di sale o di cloro. Poi la sera sotto la doccia meglio utilizzare una sola dose di shampoo poco aggressivo e applicare un balsamo o una maschera reidratante a base di oli essenziali. Purché siano prodotti capaci di ristrutturare in profondità il fusto e da stendere su tutta la lunghezza del capello. Quale pettine e spazzola usare? In genere, il pettine a denti larghi è da preferire quando i capelli sono bagnati, perché è in grado di districarli senza spezzare il fusto del capello. Per la spazzola invece meglio scegliere quella con setole naturali".

Quali sono i segnali di un cuoio capelluto che invecchia?

"I cambiamenti fisiologici dovuti all'età e ad alterazioni ormonali influiscono sia sulla pelle che sui capelli. Quando la fibra capillare si indebolisce, la produzione di sebo e lipidi si riducono, i capelli diventano via via più radi. Per chi soffre sia di calvizie che di alopecia androgenetica, consiglio di non esporsi al lungo al sole perché, aumentando l'infiammazione, si riduce il microcircolo. Come dicevo prima, i cheratinociti dei capelli sono cellule programmate per vivere un certo lasso di tempo. Il sole le fa invecchiare più preocemente e morire prima. I calvi - inoltre - sviluppano più frequentemente negli anni cheratosi e basaliomi cioè le manifestazioni più gravi di una ripetuta esposizione della cute ai raggi solari".  

Parliamo di tinture: si possono fare prima di andare al mare?

"In ambulatorio vediamo spesso persone che presentano dermatiti sulle gambe, sulle braccia, sulle spalle. Sia uomini che donne, Parlando con loro, emerge che si sono esposte al sole subito dopo essersi sottoposte a trattamenti chimici aggressivi ai capelli (stirature, permanenti, decolorazioni...). Le tinture soprattutto andrebbero evitate prima di andare al mare, ma se vogliamo avere il capello in ordine, allora il consiglio è quello di programmare tinture e meches qualche giorno prima della partenza. Ricordiamoci che il cuoio capelluto è come una spugna. Assorbe le sostanze chimiche e le mette in circolo". 

Ci sono dei prodotti che non andrebbero usati quando ci si espone al sole?

"D'estate i profumi e i prodotti contenenti alcol o coloranti".